Attacco hacker SIAE: sottratti 60 giga di dati

Attacco hacker SIAE: sottratti 60 giga di dati
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

SIAE, la società che gestisce i diritti degli artisti del mondo della musica e dello spettacolo, ha subito un importante attacco hacker. Secondo quanto riportato finora, si tratterebbe di un attacco ransomware: 60GB di dati trafugati, per i quale si richiede il pagamento di un riscatto i bitcoin.

Il pacchetto con tutti i dati rubati è già in vendita sul dark web: secondo quanto riportato, i dati in questione includono documenti di identità degli artisti iscritti a SIAE, ma anche dati relativi a pagamenti e conti bancari, riconoscimenti di opere, variazioni di recapiti e altri documenti burocratici.

L'attacco è stato compiuto dal gruppo Everest, già noto nell'ambiente.

Secondo quanto riportato da AGI, SIAE ha annunciato di non aver intenzione di pagare il riscatto e di aver intrapreso azioni legali per la propria tutela, avendo già avvisato la Polizia Postale ed il Garante della Privacy. L'azienda ha inoltre fatto sapere che a breve inizierà a contattare le persone i cui dati sono stati trafugati.

Commenta