Basta pubblicità pesanti. Google al lavoro su un ad-blocker selettivo (foto)

Enrico Paccusse Google cerca di rimediare alla nomea di "mangia-risorse" di Chrome

Sappiamo tutti bene che Google Chrome è uno dei browser più energivori, soprattutto in ambito RAM, ma questo potrebbe essere alle volte causato dalla pesantezza dei banner, che richiedono risorse rilevanti in termini di CPU e banda internet.

Secondo quanto riportato da 9to5google, la società sarebbe al lavoro per un nuovo ad-blocker selettivo con lo scopo di bloccare solo le pubblicità che richiedono troppo in termini di risorse, secondo dei valori prestabiliti (in allegato qui sotto).

LEGGI ANCHE: Stranger Things 3 debutta con un testimonial d’eccellenza (nostalgia portami via)

A differenza dei comuni ad-blocker, questo andrà ad agire solo sulle unità problematiche e le oscurerà facendo comparire un box informativo specifico per l’occasione. Dato che si tratta di un progetto in fase di sviluppo su Chromium, non si hanno notizie di un eventuale rilascio al pubblico.

This intervention unloads ads that are in the .1% of bandwidth usage, .1% of CPU usage per minute, and .1% of overall CPU time. The current numbers are 4MB network and 60 seconds CPU, but may be changed as more data is available.

  • Matteo Nasuelli

    Google sta veramente diventando imbarazzante. È stata la prima ad inserire ad sense e script vari per le campagne di vendita e ora con il google tag layer manager possono perfino sapere quanti peli ci sono nel tuo sedere. CHROME é terribile consiglio a tutti di usare altro.