In Chrome 80 viene bloccato il tracciamento cross-site, ecco come

Matteo Bottin

Iniziamo dal principio: il tracciamento cross-site permette ad alcune compagnie di collezionare dei dati di navigazione attraverso siti multipli (come ad esempio utilizzando i pulsanti di condivisione integrati nei siti web, qui una spiegazione di Mozilla).

Questo è reso possibile agli sviluppatori web grazie all’attributo “SameSite”: questo attributo rende possibile al browser di accedere ad un cookie solo quando l’URL del sito corrisponde con quello del cookie; peccato però che sia opzionale: quando questo valore è mancante i cookie possono tracciarvi.

LEGGI ANCHE: 7 giorni di rabbia

Sfruttando questo concetto il nuovo Chrome 80, se non trova l’attributo SameSite, passa ad una modalità più sicura, impedendo il tracciamento. Certo, potrebbe generare qualche problemino, ma Google sta lasciando tempo agli sviluppatori di adattare i propri siti al cambiamento: la nuova gestione dei cookie partirà a fine febbraio “con una piccola popolazione di utenti che aumenterà con il tempo”.

Via: EngadgetFonte: Chromium