Chrome vuole farvi rimbalzare velocissimamente avanti e indietro tra le pagine (video)

Nicola Ligas Però consumerà più RAM

Il team di sviluppo di Chrome sta testando una nuova funzionalità, che potrebbe arrivare sia su Desktop che su mobile: la bfcache (back/forward cache).

Si tratta in parole povere, come lascia intuire il nome, di un sistema di cache da impiegare qualora l’utente torni indietro alla pagina precedente e/o voglia poi ritornare a quella successiva. Se state visitando un pagina e vi spostate poi su una successiva, Chrome memorizzerà lo stato completo della pagina precedente, JavaScript inclusi, in modo che, qualora doveste tornare indietro, questa verrà ricostruita in modo ultra rapido. In modo analogo, se doveste ritornare avanti, Chrome attingerà la pagina successiva da questa stessa cache, e ve la farà vedere istantaneamente.

Già da questa breve descrizione si intravedono due limiti. Il primo è che questa funzione non serve a niente la prima volta che caricherete una pagina. Il secondo è che la bfcache usa più memoria (*inserire qui battuta sul consumo di RAM di Chrome), oltre al fatto che tornare indietro attingendo ad una cache in questo modo solleva anche dei problemi di sicurezza e consistenza dei dati (anche a causa di detti JavaScript, la cui esecuzione va interrotta e ripresa nel modo giusto) che gli ingegneri di Google dovranno risolvere.

Può sembrare quindi uno sforzo ingiustificato, ma in base ai dati di Google l’azione di tornare indietro costituisce il 19% delle visualizzazioni di pagina su Chrome per Android ed il 10% su sistemi desktop, e questo processo diventerà “extremely fast” grazie alla bfcache.

C’è inoltre un altro caso in cui la bfcache può diventare molto utile: con le schede messe in pausa. Quest’ultima è una funzione di Chrome che in pratica “sospende” i tab non usati da tempo per risparmiare memoria e risorse, rendendo però un po’ lenta la loro riapertura nel momento in cui tornassimo ad sulla loro scheda. Con la bfcache invece la ripresa dovrebbe essere istantanea.

Per darvi meglio un’idea di cosa intendiamo con “istantanea”, potete dare uno sguardo ai due video qui sotto, ma non trattenete il respiro: i test su bfcache sono agli inizi, e probabilmente il grande pubblico non ne vedrà i frutti prima del prossimo anno.

Via: CNETFonte: Google
  • rsMkII

    L’idea pare molto valida. Certo, il consumo di risorse può essere significativo con molte Tab aperte ma d’altronde se può essere abilitato o disabilitato, la trovo un’ottima idea.

  • Domenico De Falco

    incredibile oggi giorno con pc con molta ram questa soluzione si puo adottare

  • roby000

    Purtroppo non ne posso parlare bene.. crash sempre continui con windows 10

    • mmmm strano…. chrome non crasha quasi mai… a meno che tu abbia un pc datato e tenti di aprire 40 schede…. oppure hai qualche plugin che non funziona correttamente o la cache di chrome ha qualche virus…. ti consiglio di disinstallarlo e reinstallarlo, cosi riparti da zero… poi un bel ccleaner per pulire cache e altro e infine se hai ancora il problema inizia disabilitando tutti i plugin e riattivali pian piano uno alla volta

      • Roberto Damiano

        Ciao Stefano il problema e’ che con tutti questi aggiornamenti che fa windows alla fine conviene fare una istallazione nuova pulita, ho fatto cosi e sembra adesso andare tutto bene. Avevo sempre continui crash schermate blu ecc. ecc. causati sicuramente da driver o conflitti . Usare un pc datato comunque efficiente i driver sono spesso non compatibili o non si trovano. Ma adesso sembra girare tutto bene.

  • duddolo

    Sono quasi sicuro che Safari su iPad funzioni già così. La pagina precedente viene mostrata subito quando si fa swipe dal bordo sinistro