Chrome potrebbe presto mettere i bastoni tra le ruote agli adblocker per tutti gli utenti non paganti

Matteo Bottin - In pratica solo gli utenti Enterprise potranno usare gli adblocker per come li conosciamo ora

A gennaio Google ha proposto un cambiamento al sistema di estensioni di Chrome, chiamato Manifest V3, che implicherebbe una maggiore difficoltà da parte degli adblocker di eliminare la pubblicità dai siti. Pare che l’azienda sia fissa sulla sua linea di pensiero, anche se con qualche piccola eccezione.

Partiamo dall’inizio: Manifest V3 ha deprecato le API webRequest, le quali sono alla base di adblocker quali uBlock Origin. Queste API permettevano alle estensioni di bloccare le pubblicità ancor prima che venissero caricate.

A seguito della rivolta della comunità dell’internet, Google ha condiviso alcuni dettagli riguardo questo cambio di permessi. All’interno del testo, c’è una frase molto interessante: pare infatti che le API webRequest non verranno eliminate del tutto, ma verrà rimossa solo la parte che permette di bloccare le pubblicità. C’è un piccolo dettaglio: questa parte verrà lasciata disponibile per gli utenti Enterprise, ovvero quelli paganti.

Chrome is deprecating the blocking capabilities of the webRequest API in Manifest V3, not the entire webRequest API (though blocking will still be available to enterprise deployments).

Addio agli adblocker? In realtà non proprio: questi dovranno passare ad un sistema basato su “regole” (come fa già AdBlock Plus) sicuramente meno efficiente ed efficace.

Perché poco efficace? Perché Chrome impone un limite alle regole delle estensioni pari a 30.000, mentre le regole più popolari per gli adblocker arrivano fino a 75.000. Google sta pensando di alzare il limite, ma non c’è nulla di certo.

LEGGI ANCHE: I nuovi ZenBook Duo sono i portatili più fighi che vedrete quest’anno 

D’altronde, favorire gli adblocker sarebbe una strategia poco vincente per Google, i cui proventi derivano in gran parte dalla pubblicità. Questo ragionamento ben si collega al fatto che il blocco delle API non sia stato imposto agli utenti Enterprise, dato che sono già paganti e quindi forniscono una entrata costante all’azienda.

Via: 9to5GoogleFonte: Google
  • carlo

    è la volta buona che torno a usare firefox o safari.

  • E ci sono pesci che lo usano…

    • Mezzina Francesco

      Il mondo è pieno di idioti!

  • maguz

    Lunga vita a Mozilla Firefox su tutti i dispositivi!

    • Crissi

      Sul pc senza alcun dubbio, ma su Android lo trovo un tantino lento… Io mi sono abbonata ad una VPN.

  • davide

    eppure basterebbe così poco… basterebbe che google stessa facesse (davvero) un adblock che non elimina tutta la pubblicità ma solo tutta la schifezza invasiva ma permettesse solo i banner statici. internet è diventato pesantemente infruibile dato che i siti le provano tutte tra popup video che ti seguono audio automatico redirect da cui nn puoi tornare indietro e banner automatici che si prendono mezzo schermo…insomma non possono tornare alla pubblicità statica o solo animata ma che resta fottutamente al suo posto e se ne ho voglia ci clicco??????? senza adblock è davvero impossibile leggere una notizia online… una guerra quasi

    • ma infatti da sviluppatore non capisco tutte le guerre, giuste, che fa chrome sui video per esempio. Te li fa embeddare ma in autoplay solo se non ha audio. Tutto molto bello in chiave usabilità. E poi mi permetti 4 popup, 5 redirect, 8 blocchi con video animati a destra e a sinistra….meh. Oggi a 9 siti su 10 manca del tutto l’usabilità che era la chiave di volta del web da 20 anni.

    • Aldo

      Così bloccherebbe tutte le pubblicità che non del circuito Google.

  • silvio

    Sempre peggio Google mah. Io continuo ad usare Firefox e il browser di Samsung che è ben supportato dai vari Adblock

  • Andrea__93

    Ma si potrebbe sempre un browser basato su chromium senza limitazioni, credo…

  • Mariux Revolutions

    Basta comprare AdGuard for Windows e passa la paura 😉

    • luigi gimmi

      Comprare…

      • Mariux Revolutions

        Guarda che la licenza a vita non costa molto. Se poi preferisci craccarlo, fatti tuoi 😆

        • luigi gimmi

          Ummh, non ho detto questo. Intendevo che ci sono alternative gratuite o utilizzando i dns offerti gratuitamente da Adguard.

          • Mariux Revolutions

            Certo, ma i prodotti gratuiti non sono altrettanto efficaci quanto un programma che copre l’intero ecosistema Windows, bypassando appunto i blocchi che Google vorrebbe impostare in Chrome.
            I DNS sono ottimi, ma neanche loro possono fare tutto (filtraggio cosmetico nullo, filtro anti-adblocker inesistente, ecc.)

  • Alexander DeLarge

    Certo, limitiamo la possibilità di bloccare la pubblicità..
    Però quando capita che ci siano talmente tanti AD da impedire la navigazione sul sito, va tutto bene.
    Se davvero Chrome limiterà gli ADblock la soluzione è semplice. Si passa a Firefox.

  • credo che tempo una settimana uscirà un fork di chromium senza limitazioni al riguardo…non so quanto la mossa sia azzeccata.

    • Crissi

      Oppure abbonarsi ad una VPN (su Android Firefox è troppo lento) 😁

  • rip82

    Qual e’ il problema? Basta usare Firefox.

    • gamor

      Amen!