Il cryptomining malevolo passa anche per i file audio, attenti alle email!

Matteo Bottin

BlackBerry Cylance è una sussidiaria della più famosa BlackBerry e si occupa di sicurezza ed intelligenza artificiale. Ed è grazie a lei se è stato scoperto un nuovo modo che utilizzano i cybercriminali per insidiarsi nei computer e sfruttarne la potenza di calcolo per minare criptomonete: i file audio.

Questi bravi programmatori sono in grado di inserire del codice malevolo all’interno di alcuni file audio che vengono inviati via email e, una volta avviati, iniziano il mining (in particolare della valuta Monero). Ah, e a prima vista non ve ne accorgete: il file audio continua a funzionare come se nulla fosse, senza alcuna perdita di qualità.

LEGGI ANCHE: Avete mai provato le scorciatoie dalla barra degli indirizzi per aprire Google Keep/Documenti/Fogli?

Dunque, state all’erta: se non siete sicuri della genuinità di un file che ricevete via email, non apritelo. Il codice contenuto nel file è difficile da individuare, perché “viene rivelato solo in memoria”.

Via: Repubblica.it