Facebook fa il fact-checking anche su foto e video: lotta dura contro le fake news (foto)

Vezio Ceniccola

Sull’onda lunga della lotta alle fake news, ormai tema fondamentale per tutti i social network, Facebook ha deciso di estendere le sue funzionalità di fact-checking alle foto e ai video pubblicati sulla sua piattaforma, in modo da poter individuare e combattere la diffusione di contenuti falsi o inappropriati.

I meccanismi per il fact-checking e la verifica delle notizie sono già utilizzati dal social blu per quanto riguarda gli articoli linkati dagli utenti: il testo viene analizzato da complessi algoritmi aiutati dalle più moderne tecnologie di machine learning e intelligenza artificiale, in modo da scovare anche le fake news più verosimili.

Metodi molto simili verranno applicati da ora anche a foto e video, anche se l’analisi di elementi multimediali di questo tipo sarà ancora più complessa: dovranno essere utilizzate tecniche di riconoscimento visuale, ricerca immagini, OCR e analisi dei metadati.

Facebook si avvale di modalità automatiche per il controllo di contenuti e di diversi partner per la verifica manuale, in modo da poter analizzare in maniera profonda le segnalazioni più complesse. Per quanto riguarda le foto e i video, sono principalmente tre le categorie di contenuti falsi o inappropriati che possono essere scoperti: quelli manipolati o inevntati, quelli fuori contesto, e quelli che presentano citazioni sbagliate o falsificate.

LEGGI ANCHE: Utenti in fuga da Facebook

I nuovi meccanismi per il fact-checking sono attivi già in 17 Paesi del mondo e potranno essere estesi ancora nel corso dei prossimi mesi. Non sarà certo semplice per Facebook bloccare la disinformazione, ma questi strumenti possono aiutare a ridurre la sua diffusione e fornire un ambiente più credibile e sano per gli utenti.

Fonte: Facebook