Pensavate davvero che Mediaworld regalasse buoni da 1.000€ tramite Facebook? E invece è l’ennesima truffa (foto)

Edoardo Carlo Ceretti

In barba al recente giro di vite sulle fake news, sembra che sia un periodo decisamente prolifico per le truffe online. Se WhatsApp rimane lo strumento più utilizzato dai truffatori – per la velocità con cui si diffondono i messaggi e l’estrema difficoltà da parte della piattaforma di arginarli – non ne è immune nemmeno il social network più utilizzato dagli italiani di tutte le età: Facebook.

Dopo Ikea e Conad, questa volta è toccato a Mediaworld essere ignaro veicolo di una truffa perpetrata da ignoti furbetti, ai danni degli utenti più sprovveduti. In particolare, il target prescelto in questo caso era davvero mirato: sfruttando gli strumenti messi a disposizione dal sistema di sponsorizzazione di post di Facebook, la pagina incriminata offriva buoni da ben 1.000€ a tutti i padri nati nel mese di marzo.

LEGGI ANCHE: 5 regali tech per San Valentino per coppie non perfette

Come potete vedere dalle immagini in galleria, l’inserzione era facilmente catalogabile come fake/truffa dagli utenti più scafati, tuttavia il web è popolato anche da utenti molto meno abituati a notare dettagli rivelatori e a diffidare di offerte troppo belle per essere vere. Cliccando sul link, si apriva poi una finta pagina Facebook, corredata da falsi commenti entusiastici di altri utenti, per corroborare l’effetto illusorio e convincere definitivamente dell’affidabilità della promozione. In realtà, l’obiettivo era sottrarre dati sensibili agli utenti.

Come sempre in questi casi, vi raccomandiamo di prestare grande attenzione alle presunte pubblicità che paventano scenari idilliaci, perché nessuno vi farebbe mai regali di tali portate, specialmente sul web. Non fatevi nemmeno ingannare dalla dicitura Sponsorizzata, perché può capitare che alcune truffe o pubblicità ingannevoli sfuggano ai controlli di Facebook – che si spera possano diventare via via sempre più efficienti, a tutela dei propri utenti.

Fonte: DDay