Facebook investe 50 milioni di dollari per un Metaverso "responsabile"

Facebook investe 50 milioni di dollari per un Metaverso "responsabile"
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Facebook prosegue nello sviluppo del metaverso, il prossimo grande passo evolutivo della realtà virtuale; o almeno quello che potrebbe esserlo. Per spiegarlo con gli stessi termini usati da Facebook, il metaverso è un insieme di spazi virtuali dove potremo uscire con gli amici, lavorare, giocare, imparare, fare acquisti, creare e altro ancora.

Una vera e propria realtà alternativa per certi versi, che non a caso avevamo accostato a Ready Player One, anche se Facebook cerca ovviamente di rimanere più professionale, affermando che il Metaverso servirà a "rendere più significativo il tempo passato online".

Sia chiaro che non parliamo di un singolo prodotto. Il Metaverso è un po' come internet: è un agglomerato di prodotti, non uno singolo. Internet non è Facebook, o Google, o Microsoft ecc. ed allo stesso modo il Metaverso non è un prodotto che una singola azienda possa realizzare da sola dall'oggi al domani. Facebook stima addirittura un tempo di 10-15 anni prima che sia "completo", ma anche per costruire una piramide bisogna comunque partire dalle fondamenta.

Ed ecco allora la notizia di oggi: un investimento di 50 milioni di dollari per assicurarsi che questi prodotti siano sviluppati "responsabilmente", in particolare monitorando i seguenti aspetti:

  • Opportunità economica: come offrire scelta, incoraggiare la competizione e mangenere un'economia digitale vivace.
  • Privacy: come minimizzare l'ammontare di dati utilizzati, realizzare tecnologie a tutela dei dati e dare agli utenti trasparenza e controllo su di essi.
  • Sicurezza e integrità: come tenere gli utenti al sicuro online e dare loro gli strumenti per agire o chiedere aiuto se vedessero qualcosa che non li faccia sentire a loro agio
  • Uguaglianza ed inclusione: come far sì che queste tecnologie siano progettate in modo inclusivo ed accessibile

Basterà questo a rendere il Metaverso "responsabile"? Solo il tempo ce lo dirà, ma dovremmo aspettare qualche lustro per saperlo.

Fonte: Facebook

Commenta