Facebook sarà completamente diverso

Giuseppe Tripodi - Mark Zuckerbrg ci parla di come rivoluzionerà il social network, a suon di contenuti che si auto-distruggono, comunicazioni tra pochi intimi e grande attenzione alla privacy.

Nella giornata di ieri, Mark Zuckerberg ha pubblicato un lunghissimo ed interessantissimo post in cui prova a raccontare il futuro del social network, e la parola d’ordine è una sola: privacy. Se non l’avessi letto tutto, rimanendo persino colpito da alcuni passaggi particolarmente lucidi, fino a ieri leggendo Facebook e privacy nella stessa frase mi sarei messo a ridere.

D’altra parte, negli ultimi anni il social network è stato al centro di una continua serie di scandali e polemiche, ai quali Zuckerberg non ha saputo fornire risposte credibili: quando è esploso il caso di Cambridge Analytica, interrogato al Senato degli USA, Mark balbettava I’m sorry e provava a difendersi dalle responsabilità con un generico we run ads. Nel frattempo, mentre gli utenti venivano continuamente rassicurati, Facebook utilizzava discutibili app per ricerche di marketing, nascondendo sotto il tappeto le implicazioni del caso. Non c’è da stupirsi che nell’ultimo anno gli utenti hanno lasciato in massa il social network.

Ma adesso Mark Zuckerberg sembra aver preso una direzione diametralmente opposta: ma quali saranno le implicazioni per il social network?

Per capirlo, è necessario analizzare almeno alcuni passaggi del lungo post che Mark ha pubblicato, a partire dall’ammissione di colpa:

Capisco che molte persone non pensino che Facebook possa – o voglia – costruire una piattaforma incentrata sulla privacy – perché francamente non abbiamo una gran reputazione nel realizzare servizi che tutelano la privacy, e siamo sempre stati concentrati su strumenti orientati alla condivisione.

Ammettere i propri errori è sembra un buon punto di partenza, ma non è certo questo che ci convince delle intenzioni di Zuckerberg. Secondo le parole del fondatore, il “nuovo Facebook” sarà costruito su sette principi.

Mark Zuckerberg risponde alle domande del Senato degli Stati Uniti. Foto via Getty Images

Comunicazioni private

Zuckerberg spiega che le comunicazioni private diventeranno le fondamenta della nuova piattaforma. Non si tratta tanto di nuove funzioni (o quanto meno non solo quello), ma di un cambio concettuale di paradigma: al centro ci saranno le interazioni interpersonali tra poche persone e piccole comunità che condividono interessi, praticamente l’opposto del newsfeed su cui Facebook si basa attualmente.

Verranno valorizzati i messaggi privati e le storie condivise con pochi intimi e, probabilmente, la bacheca passerà ad essere un elemento accessorio, magari utilizzato da influencer e personalità di spicco per comunicare con i propri fan.

Criptazione e sicurezza

In una piattaforma dove le comunicazioni private sono al centro di tutto, la sicurezza dei messaggi non può che rappresentare un punto focale. Per questo, Zuckerberg dice di voler mettere la criptazione end-to-end al primo posto; non solo perché in questo modo le comunicazioni saranno al sicuro da hacker e governi repressivi, ma perché la criptazione è utile per decentralizzare le informazioni e le relative responsabilità. Se i messaggi non sono salvati sui server della società (e neanche la stessa Facebook può accedervi), non esiste più un ente centrale che può essere obiettivo di attacchi informatici o richieste illegittime da parte di governi illiberali.

Ovviamente, tutto ciò porta con sé un’enorme quantità di implicazioni: della criptazione non beneficeranno solo i cittadini onesti, ma anche terroristi e criminali. Per questa ragione, Mark spiega che per affrontare queste enormi questioni Facebook collaborerà con esperti di sicuezza e forze dell’ordine, al fine di trovare le soluzioni migliori.

E, soprattutto, propone un approccio comune per tutte le realtà che affrontano problemi simili.

Dobbiamo lavorare insieme con le altre piattaforme, per assicurarci che l’intero settore faccia la cosa giusta. Più creiamo un approccio comune, meglio sarà.

Ridurre la permanenza

Un altro problema che Zuckerberg vuole affrontare è la permanenza dei dati: come scrive lo stesso Mark, un’enorme raccolta di foto e messaggi che cresce nel tempo può diventare una risorsa, ma anche una responsabilità. Per questa ragione, nel futuro di Facebook possiamo aspettarci una maggiore propensione a contenuti effimeri, come ad esempio le storie che svaniscono dopo 24 ore (a meno che l’utente non decida altrimenti).

Ad esempio, Zuckerberg propone un approccio in cui i messaggi privati si cancellano automaticamente dopo un certo lasso di tempo previsto dall’utente: un mese, un anno, o anche dopo qualche minuto. Ovviamente, ci sarà la possibilità di conservare le chat e disattivare l’autodistruzione, ma questo sarà l’eccezione, non la regola.

Nota interessante: lo stesso Mark precisa che distruggere i messaggi, implica anche eliminare più velocemente i metadati delle chat. Una precisazione tutt’altro che scontata, che denota ulteriormente la svolta della piattaforma.

Interoperabilità

Per costruire tutto ciò, Mark Zuckerberg prevede una piattaforma in cui le diverse chat legate al social network (Messenger, WhatsApp e Instagram Direct) siano in grado di comunicare tra loro, e possano persino portare la criptazione end-to-end anche sugli SMS.

Maggiori informazioni dal link di seguito.

Sicurezza nella memorizzazione dei dati

Dulcis in fundo, Zuckerberg precisa che, per avere sicurezza e privacy, bisogna operare in paesi che tutelano questi diritti. Per questa ragione, Mark annuncia che nella realizzazione della nuova infrastruttura in giro per il mondo, non verranno costruiti data center in nazioni che hanno violato diritti umani e non hanno rispettato il diritto alla libertà di espressione o alla privacy.

Cosa diventerà Faebook?

Se queste sono le premesse, è evidente che possiamo aspettarci un cambiamento rivoluzionario nella piattaforma di Zuckerberg. Nel post, Mark non ha annunciato come o quando verrano implementati questi cambiamenti: ci vorrà del tempo, sarà un processo lungo e probabilmente graduale, ma ci sono alcune considerazioni che possiamo azzardare.

Il newsfeed verrà completamente ripensato, e probabilmente diventerà un elemento accessorio della piattaforma. Verosimilmente, vedremo crescere strumenti di aggregazione basati su interessi comuni, e quel che condividiamo non sarà più pubblico di default: verrà valorizzata la comunicazione verso piccoli gruppi di persone, possibilmente anche con contenuti che si cancellano automaticamente dopo un giorno. D’altra parte, già un anno fa Facebook aveva iniziato a puntare sui gruppi, oltre che sui post di amici intimi e familiari.

Il secondo punto su cui vale la pena riflettere è che probabilmente questo porterà ad un cambiamento radicale nel business model: non si può puntare sulla privacy e vendere pubblicità targettizzata allo stesso tempo. Inoltre, con la perdita di valore del newsfeed, sarà anche più difficile mantenere un modello di monetizzazione basato sulle pubblicità.

L’ipotesi più probabile è che Zuckerberg scommetta su negozi e servizi integrati alla piattaforma, con pagamenti interni a Facebook su cui sarà possibile guadagnare. A tal proposito, il rumor della criptovaluta per WhatsApp assume tutta un’altra luce: con una piattaforma basata sulla compravendita di beni e servizi, avere una valuta interna potrebbe essere un gran punto di forza.

Insomma, ci aspettano anni interessanti sul fronte dei social network. Anche considerando che il più grande social network sembra voler diventare qualcosa di completamente diverso da tutto ciò che abbiamo visto finora.

  • Nessunoalex

    Mah, sono solo parole.
    Mica è una startup, siamo di fronte ad una quotata da circa 500 miliardi di $ di valore in borsa. Qualunque modifica del modello di business, anche piccola, deve essere sostanzialmente approvata dai mercati finanziari altrimenti nisba. Figuriamoci abbandonare l’attuale “we run ads” per un salto nel buio. Fantascienza, direi.

    • snke

      Se ha fatto una dichiarazione simile evidentemente gli investitori un minimo approvano, non credo che si lasci andare a dichiarazioni a caso

      • peppeuz

        Precisamente.

        A prescindere dalle possibili buone intenzioni, Zuckerberg non potrebbe muovere un dito su certi temi senza il supporto degli investitori.

  • Se è vero, sarà forse uno dei passi più grandi degli ultimi tempi tra tutti i siti di comunicazione

  • Andrea Varosi

    Sono certo che Mark Zuckerberg continuerà a violare di nascosto la privacy degli altri…