Facebook semplifica il design della sezione di controllo dei dati personali su mobile

Facebook semplifica il design della sezione di controllo dei dati personali su mobile
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Facebook ha aggiunto sulla sua piattaforma la possibilità di scaricare e controllare i propri dati già molto tempo fa, ma nelle ultime ora ha rilasciato un aggiornamento grafico della sezione dalla quale è possibile vedere tutte le informazioni personali, disponibile sin da ora per le versione Android e iOS dell'app.

Accedi alle tue informazioni, questo è il nome ufficiale, è un sottomenù accessibile andando nelle impostazioni e scorrendo fino a trovare la sezione titolata Le tue informazioni su Facebook: la prima voce sarà quella interessata. Il redesign si è incentrato a dividere i nostri dati in otto diverse categorie, che sono:

  • La tua attività su Facebook.
  • Amici e follower
  • Preferenze.
  • Informazioni personali.
  • Informazioni registrate.
  • Informazioni sulle inserzioni.
  • App e siti web fuori da Facebook.
  • Informazioni su protezione e accesso.

Tutte le categorie sono poi ulteriormente suddivise in vari menù in base alle informazioni che possono essere gestite, che riguardano praticamente qualsiasi aspetto della "vita" sul social network: si può controllare con quali post si ha interagito, quali persone possono seguirci, le informazioni e i dati che Facebook conosce su di noi e quali invia a servizi e siti di terze parti.

Difficile non pensare a questo nuovo design come una "mossa" causata dalla costante pressione che viene fatta sull'azienda di Mark Zuckerberg soprattutto nell'ultimo periodo: basti pensare alle critiche mosse da Facebook nei confronti delle regole più stringenti imposte da Apple con iOS 14 o il polverone mediatico che si è alzato negli scorsi giorni in seguito al cambiamento delle condizioni d'uso di WhatsApp; d'altra parte però sicuramente con questo aggiornamento grafico è stata data maggiore importanza alla questa sezione delle impostazioni che consente agli utenti di capire con precisione quali dati sono condivisi.

Via: 9to5Mac
Fonte: Facebook

Commenta