Facebook sta testando un nuovo tasto “non mi piace”, ma non vuole chiamarlo così (foto)

Vezio Ceniccola - La novità è comparsa per ora solo negli Stati Uniti e difficilmente spuntare in tempi brevi anche sui nostri dispositivi

Il famigerato tasto “non mi piace” è uno dei sogni proibiti di molti utenti di Facebook sin dai suoi albori. Il social di Mark Zuckerberg ha chiarito da tempo che una funzione del genere non è nei piani e, probabilmente, mai lo sarà, ma la novità introdotta per una piccola fetta d’utenza nelle ultime ore ci va davvero vicina.

Il team di sviluppo della piattaforma ha avviato un piccolo test per un nuovo pulsante “downvote“, che consente di assegnare una votazione negativa ai commenti degli altri utenti e nasconderli dal post. Per adesso questo strumento è disponibile solo per alcuni utilizzatori di Facebook in lingua inglese negli Stati Uniti, ed è abilitato solo per i commenti dei post sulle pagine pubbliche, dunque si tratta di una prova molto limitata.

Lo scopo di questo esperimento è quello di studiare l’interazione degli iscritti con i contenuti inappropriati. Gli utenti possono utilizzare il tasto downvote, che appare sotto al relativo post, segnalando al social anche la ragione di tale voto: dopo aver premuto il pulsante, infatti, appaiono ulteriori caselle con il quale è possibile dire se il contenuto risulta “offensivo“, “ingannevole” oppure “off topic“, oltre all’opzione per annullare il voto.

Una volta che il commento è stato segnalato con i downvote, esso viene nascosto dal post, cosa che impedisce agli altri di poterlo visualizzare successivamente. Ed è proprio questo il punto centrale della questione, quello che potrebbe accendere le polemiche più agguerrite.

LEGGI ANCHE: Auguri Facebook: 14 anni di social blu!

Il downvote appare come una soluzione più semplice ed intuitiva per segnalare i commenti inappropriati, più comoda anche del flag già disponibile nelle opzioni dei post. Grazie ad uno strumento di questo tipo, probabilmente Facebook spera di portare avanti in modo più aggressivo la campagna contro le fake news e la disinformazione dilagante di alcune pagine, terreno di battaglia su cui si sono presi molti provvedimenti importanti negli ultimi mesi.

L’azienda ci tiene a dire che non si tratta di un pulsante “non mi piace”, ma solo di una funzionalità in grado di dare un feedback sulla qualità dei commenti. Comunque lo si voglia chiamare, l’eventuale arrivo di un tasto di questo tipo potrebbe essere una piccola rivoluzione per il social, anche se scatenerebbe di sicuro accuse di censura e polemiche a non finire. Bisognerà valutare bene se e quanto introdurre questa novità, ma sapremo solo nei prossimi mesi il destino del piccolo tasto downvote.

Aggiornamento30/04/2018 ore 11:00

Secondo Android Police la funzione di downvote si starebbe allargando ad un numero maggiore di utenti. Al momento non risulta disponibile su nessuno dei nostri account, ma magari voi sarete più fortunati di noi. Fatecelo sapere nei commenti!

Via: TechCrunch