Free Modem Alliance vuole impedire agli operatori di imporre l’acquisto e l’uso dei propri modem

Edoardo Carlo Ceretti La norma esiste già, ma le modalità che la facciano rispettare devono ancora essere scritte.

Alla quasi totalità di coloro fra voi, che negli ultimi anni hanno stipulato un contratto con un operatore italiano per la fornitura del servizio di rete fissa, sarà capitato di dover accettare l’imposizione di un modem/router a brand dell’operatore stesso, a costi variabili per tot rinnovi. Per gli utenti meno esperti, è inevitabile che tale pratica rappresenti un deterrente per l’acquisto di un altro dispositivo di propria scelta, magari più economico, oppure dotato di qualche peculiarità che meglio si addirebbe ad esigenze particolari.

Una pratica insomma non proprio innocua, che fra l’altro viola la normativa europea sulla cosiddetta Net Neutrality, che dovrebbe garantire il diritto dei consumatori di scegliere liberamente i dispositivi da acquistare ed utilizzare, attraverso i quali sfruttare tutti i servizi previsti dal contratto stipulato con un operatore. Nonostante la la norma europea risalga al 2015 e nonostante sia stata recepita da una legge italiana del novembre 2017, la sua violazione non è tuttora punita in modo adeguato, tanto che gli operatori continuano a perpetrare tale pratica.

LEGGI ANCHE: Migliori offerte fibra

Per questo motivo, varie associazioni di difesa dei consumatori – fra cui Aiip, Aires Confcommercio, Allnet, Assoprovider, Mdc, Vtke e modemlibero.it – hanno deciso di dare vita insieme alla Free Modem Alliance, ovvero una coalizione che assumerà l’incarico di perorare la causa della Net Neutrality a tutela dei cittadini italiani.

La nuova coalizione dovrà anche spronare l’ACGOM ad istituire le linee guida sulle modalità di rispetto della normativa, al momento ancora assenti. Dal canto suo, l’AGCOM ha preso tempo nel corso degli ultimi mesi, nel tentativo di formulare accorgimenti che non possano essere elusi facilmente dagli operatori, sfruttando terminologie vaghe e cavilli burocratici. L’augurio è che la nascita della Free Modem Alliance consenta di superare questo impasse in tempi ragionevolmente brevi.

Via: CorCom, Mondomobileweb