Google Chrome fa un passo indietro: rimosso (ancora) il blocco per l’autoplay

Vezio Ceniccola

Negli ultimi mesi Google ha mostrato un po’ d’indecisione per quanto riguarda una delle nuove funzionalità del browser Chrome, quella che permette di bloccare automaticamente la riproduzione automatica dei contenuti multimediali sulle pagine web. A quanto pare, il tira e molla sembra dover continuare ancora per qualche tempo, visto che la novità è stata ritardata ancora una volta.

Per chi non conosce la vicenda, facciamo una breve sintesi. Il blocco dell’autoplay per i media era stato introdotto lo scorso aprile su Chrome 66, ma già dopo qualche settimana Google era stata costretta a fare un passo indietro e rimuovere la funzione. Con l’arrivo di Chrome 70 a fine settembre tale strumento era ritornato, per poi sparire di nuovo in questi giorni.

I problemi che hanno portato alla sua disattivazione sono sempre gli stessi: il blocco automatico dell’autoplay interferisce con alcune web app, con i giochi e con altri contenuti attendibili, dunque causa problemi di compatibilità con servizi importati per alcuni utenti, soprattutto per i siti web meno aggiornati.

LEGGI ANCHE: DuckDuckGo supera 30 milioni di ricerche

Secondo quanto dichiarato, Google ci ripreverà già con Chrome 71, in arrivo a dicembre. In questa nuova versione sarà attivata un’ennesima variante del blocco per l’autoplay, sperabilmente ancora più ottimizzata e meno problematica delle precedenti. Sarà questa la volta buona?

Via: 9to5Google
  • Gabriele

    sperem!