Google.com compie 20 anni: come da allora è cambiato internet e il mondo intero

Edoardo Carlo Ceretti

Alcuni dei nostri lettori nel 1997 non erano neppure nati, oppure erano talmente giovani da non averne ricordi nitidi. Altri invece erano già cresciuti, ma difficilmente ricorderanno questa data come lo spartiacque epocale che invece è, per il mondo del web, ma non solo: il 15 settembre 1997 veniva registrato il dominio google.com, destinato ad ospitare il motore di ricerca per antonomasia – to google in inglese è da anni entrato nel vocabolario, ma anche l’italiano googlare ormai è di uso corrente.

Ma com’era il mondo prima di Google? Il Presidente degli Stati Uniti era Bill Clinton, mentre quello del Consiglio italiano era Prodi. Il progetto della moneta unica europea era già nato da qualche anno, ma in Italia resisteva ancora saldamente la lira. Lionel Messi e Cristiano Ronaldo erano ancora dei ragazzini brufolosi, il calcio mondiale era dominato da un giovane fuoriclasse brasiliano, il Fenomeno. Michael Jordan spradoneggiava in NBA, Barbie Girl degli Aqua impazzava su tutte le radio estive e Titanic sbancava i botteghini americani, avviandosi verso il record di premi Oscar.

Rimanendo nel mondo che più ci si addice, i PC che potevate acquistare in quell’anno avevano un processore la cui frequenza era misurata in MHz, i tagli di memoria di RAM e memoria interna era 16/512… Megabyte; lo storico Nokia 3310 era ancora un pezzo da fantascienza, le persone (molto poche) portavano con sé gli enormi Motorola StarTAC. I nerd di allora giocavano con la prima PlayStation, il Nintendo 64, il GameBoy (non a colori) e il mitico Tamagotchi, mentre quell’anno nasceva una saga destinata ad influenzare profondamente la storia videoludica: GTA.

Insomma, un’altra epoca. E se oggi internet, la tecnologia e l’elettronica di consumo è al livello che conosciamo, una parte non trascurabile dei meriti va data proprio a ciò che scaturì da quel semplice dominio, registrato il 15 settembre 1997 da due studenti dell’Università di Stanford, che volevano cambiare il modo in cui le persone approcciavano le ricerche sul web: Larry Page e Sergey Brin.

Il logo di Google nel 1997.
Via: Android Police