I nuovi video automatici di Google Foto sono perfetti per festeggiare San Valentino (e non solo) (video)

Vezio Ceniccola

La funzione di creazione automatica dei video di Google Foto è stata ulteriormente potenziata e rinnovata. Da ora, questo simpatico strumento creativo è in grado di offrire tante nuove possibilità e temi per i collage animati dei vostri scatti, a cominciare da quello dedicato all’imminente San Valentino.

Per utilizzare la funzione è sufficiente accedere alla sezione Assistant dall’app o dal sito web, selezionare una delle categorie proposte e cliccare sul pulsante “crea filmato“. A questo punto, l’intelligenza artificiale e il machine learning si occuperanno di scegliere i migliori scatti presenti nella galleria cloud del servizio, realizzando un piccolo video con musica ed effetti. Ovviamente tutto sarà poi modificabile dall’utente stesso, ma solo sulle app mobili.

Oltre a quello dedicato a San Valentino, ci sono tanti temi tra cui scegliere per impostare il vostro filmato: ci sono categorie perfette per mostrare la crescita dei propri pargoli, quelle dedicate agli animali domestici e non manca neanche quella che raccoglie i migliori selfie dell’anno, in caso la vostra vanità non sia stata soddisfatta abbastanza sui social.

LEGGI ANCHE: Google Foto sa riconoscere il vostro gatto

Tra le altre novità aggiunte recentemente al servizio Foto, è in arrivo la possibilità di condividere la libreria fotografica con parenti e amici, aggiungendo il loro account all’interno delle impostazioni. Inoltre, solo negli Stati Uniti e in Canada è disponibile anche il servizio di stampa, che consente agli utenti di ricevere a casa un vero e proprio album cartaceo con le proprie foto al prezzo di 9,99$.

La nuova funzione di creazione video di Google Foto è già in rollout per tutti gli utenti e su tutte le piattaforme, anche se alcuni temi potrebbero non essere ancora disponibili in Italia. Se utilizzate il servizio da web, potete accedere a questo sito per trovare tutte le categorie e provare lo strumento.

Fonte: Google