Google Maps vola nello Spazio: ora è possibile visitare anche Plutone, Venere e altri pianeti

Vezio Ceniccola

Da qualche anno ormai, Google Maps non si limita più a tracciare strade e attività sulla Terra, ma ha deciso di puntare il suo sguardo più in alto, fino alle stelle e ai pianeti. Le funzione Spazio è stata ulteriormente aggiornata nelle ultime settimane ed ora include tanti nuovi pianeti e satelliti da visitare.

Grazie alle immagini scattate dalla sonda Cassini e alle altre incredibili foto provenienti dalla NASA, ora è possibile fare un giro su alcune delle lune di Saturno, come Encelado, Titano e Mimas. Sono stati aggiunti anche due pianeti del sistema solare, Plutone e Venere, per un totale di 12 corpi celesti osservabili sul servizio di Google.

LEGGI ANCHE: Visitate la Stazione Spaziale Internazionale su Street View

Per poter avere accesso all’interfaccia Spazio basta fare un zoom out sulla classica visuale del nostro pianeta, fino ad uscire completamente dall’atmosfera. Per i più pigri, comunque, è possibile arrivarci più comodamente da questo indirizzo.

Fonte: Google