Google One arriva in Italia: tutto il cloud di Google in un unico posto

Matteo Bottin -

Annunciato a maggio e reso disponibile per gli utenti USA ad agosto, Google One finalmente arriva anche in Italia. Un unico servizio per unire i piani Google Drive, Foto e molto altro ancora.

Cosa comporta questo cambiamento? Innanzitutto i piani consumer a pagamento di Google Drive diventeranno automaticamente Google One (tranne quelli business di G Suite), sono stati migliorati i piani di archiviazione a pagamento (che partono da 100 GB fino ai 30 TB) e gli abbonati possono ottenere vantaggi in altri prodotti Google.

Tra questi vantaggi spunta del credito per Google Play o le offerte per (alcuni) hotel trovati grazie alla ricerca Google. I dettagli specifici sono ancora pochi, ma avremo sicuramente la possibilità di conoscerli a fondo nei prossimi giorni.

Se avete dei familiari e volete condividere con loro un piano di archiviazione, non c’è problema: con un singolo piano Google One potrete aggiungere fino a 5 familiari, i quali avranno il loro piano e i loro benefici aggiuntivi.

LEGGI ANCHE: Qual è il senso dei Google Pixel 3?

Nel funzionamento di Google Drive, comunque, non avrete problemi: il meccanismo di memorizzazione e condivisione dei file non cambierà. Tutti gli abbonati comunque riceveranno una email informativa per comunicare i cambiamenti. Se volete comunque essere aggiornati sui cambiamenti “in tempo reale” non vi resta che iscrivervi alla newsletter a questo indirizzo. È infatti evidente come, nonostante l’annuncio in italiano sul blog ufficiale (a molti mesi da quello internazionale), il servizio non sia ancora attivo e che lo diventerà a gradi per tutti nel corso dei prossimi mesi. Vi terremo sicuramente aggiornati.

Fonte: Google Blog
  • Correggete “famigliari” ragazzi

    • mcg

      Si può scrivere in entrambi i modi: famigliari o familiari

  • “Google One arriva in Italia” è falso, non è ancora attivo.
    Mettete pure il verbo al futuro.

    • John Smith

      Non capisco questo rincoglionimento generale: da ieri di colpo tutti questi blogghetti da 4 soldi continuano a ripetere che è arrivato. Ma tra loro non c’è una scimmia che sappia controllare se è vero ciò che sta scrivendo?

      • Lo abbiamo scritto perché è una dichiarazione Google, non ce la siamo inventati. Il servizio è ufficialmente arrivato in Italia e Google onestamente non è stata molto brava nell’aggiornare tempestivamente il tutto. Il sistema verrà aggiornato per tutti piano piano.
        Ah, e non c’era bisogno di insultare 🙂
        Buona giornata.

        • John Smith

          Ma è possibile avere una fonte di questa dichiarazione oppure ve l’ha sussirrato all’orecchio Larry Page?

          • C’è il link alla fonte: c’è il post del blog italiano (che essendo in italiano e in Italia si riferisce anche all’Italia) e ci è stato mandato per mail dall’ufficio stampa italiano. Il lancio originale di Google One è di molti mesi fa, questo è di ora.

          • John Smith

            “Oggi presentiamo Google One”

            “Nei prossimi mesi, per tutti i piani consumer a pagamento di Google Drive verrà eseguito l’upgrade a Google One.”

            Questo è ciò che dice Google. Il vostro titolo invece è “Google One arriva in Italia”. Non si parla di presentazione, né si parla di un arrivo futuro. Inoltre, anche nel contenuto dell’articolo, non si fa mai riferimento al “prossimi mesi”.

            In pratica il vostro articolo non dice nulla. Se aveste messo un semplice link al post sul blog di Google sareste stati piu esaustivi.

            Per me non è modo di fare informazione. Ma immagino che a voi stia bene. Alla fine basta che uno apra l’articolo, no? Poi però non vi lamentate quando la gente usa gli AdBocker. Perché io un articolo del genere NON voglio pagarlo, neanche indirettamente guardando le pubblicità.

  • TeMpEsTM

    Ma in Italia nn c’è ancora ….

  • Tiwi

    quando arriverà, lo proverò, anche se non ho ben capito cosa cambia nella pratica

  • Viper_Rex
  • Vespasianix

    molto hype per nulla.

    Hypernulla.

  • John Smith

    È arrivato solo alla redazione di SmartWorld a quanto pare. Idioti