Google Plus è ufficialmente morto: l’app, ultimo baluardo del social, diventa Google Currents

Lorenzo Delli

Google Plus, il social network di Google, è ufficialmente passato a migliore vita. Già dall’anno scorso in realtà la società aveva redatto una timeline relativa alla chiusura dei servizi legati al social network. Da aprile 2019 tutti gli account e le pagine erano state chiuse e Google avrebbe piano piano iniziato a cancellare i contenuti presenti negli account, foto e video compresi. Ovviamente sono state offerte varie settimane di tempo per effettuare il download dei propri dati e per cancellare l’account.

Ora però Google Plus è ufficialmente andato, stavolta per sempre. Il social network era stato sostituito da Google Currents e proprio da queste ore anche l’app di Google+, l’ultimo baluardo dei tempi che furono, è stata definitivamente sostituita da Currents stessa. E proprio sul Play Store non mancano le polemiche a riguardo!

Ma cos’è Google Currents, l’app che di fatto va a sostituire Google+? Leggendo la descrizione sembra quasi essere una sorta di social network dedicato al mondo lavorativo. Permette ad esempio di “condividere idee e documenti e intrattenere conversazioni pertinenti con i tuoi colleghi senza inondare la tua posta in arrivo”. Ci sono tante altre funzionalità ovviamente, pensate per far sì che gruppi più o meno nutriti di dipendenti e dirigenti possano usare il tutto come spazio di lavoro e di organizzazione.

Prima di chiudere un piccolo momento nostalgia. Vi ricordate degli inviti per accedere a Google Plus? Dell’entusiasmo nel provare un social network appena nato? Di come si integrasse il tutto con l’ecosistema Google prima che Google stessa decidesse di metterci una pietra sopra?

Via: The VergeFonte: 9to5Google