Google Podcasts web inizia finalmente ad andare per la strada giusta, ma la meta resta lontana (foto)

Federica Papagni

C’è proprio aria di cambiamento per Google Podcasts. È probabile che BigG abbia aperto gli occhi e si sia reso conto di quanto il suo servizio fosse indietro rispetto agli altri su ogni fronte. Dopo le ultime novità riguardo l’app, il nostro occhio indagatore si è bloccato sulla versione web di Google Podcasts e sui miglioramenti in essa apportati.

Fino a poco tempo fa l’unica cosa che era possibile fare visitando il sito podcasts.google.com era, semplicemente, ascoltare i contenuti, mentre della home e della barra di ricerca non si vedeva neanche l’ombra. Ora, invece, la situazione è leggermente cambiata. Innanzitutto, accedendo al sito finalmente si è accolti da una schermata home con tutti i crismi, che mostra i titoli suggeriti per attinenza ai gusti dell’utente o per categorie, e che nella parte superiore riporta la vitale barra di ricerca, che permette di fare una ricerca molto più intenzionale rispetto a quella fatta tramite Google Search.

LEGGI ANCHE: Seguite il nostro podcasts

Nonostante questi apprezzabili miglioramenti, le pecche nel sistema continuano a essere molte. Infatti, non è possibile né seguire nuovi contenuti né accedere alle proprie sottoscrizioni; non è visibile da nessuna parte un riepilogo dei nuovi episodi o di quelli già visti; ma almeno, per spezzare una lancia in suo favore, i progressi di ascolto sono sincronizzati: stoppando un contenuto dall’app è possibile continuare ad ascoltarlo sul sito web.

Insomma, nonostante le novità appena introdotte, Google Podcasts non può ancora essere considerato al 100% un servizio soddisfacente. Però, la speranza è sempre l’ultima a morire e con essa anche la fiducia verso i periodici aggiornamenti dell’azienda californiana.

Fonte: Android Police