Google Search On: 9 novità che vedremo in Lens, Chrome e Maps

Google Search On: 9 novità che vedremo in Lens, Chrome e Maps
Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Google ha annunciato oggi durante un evento in livestreaming chiamato Search On, alcune delle novità che grazie ai prodotti di intelligenza artificiale di Google vedremo nei prossimi mesi e che guideranno sicuramente lo sviluppo dell'azienda nei prossimi anni.

Fai domande su quello che vedi

Nei prossimi mesi Google porterà in campo la prima rivoluzione per tutti nata da MUM (Multitask Unified Model), strumento presentato durante lo scorso Google I/O. Questa novità sarà integrata direttamente dentro Google Lens e permetterà agli utenti di cercare qualcosa a proposito di quello che si guarda.

Non si tratta di fare una ricerca basata su Google Immagini, ma proprio di fare domande su qualcosa che si è fotografato tramite Google Lens. Per esempio chiedere di trovare altri oggetti con la stesso disegno di una maglietta che abbiamo visto, oppure fotografare la catena di una bici e chiedere "come la riparo?". Un altro esempio potrebbe essere fotografare un uccello e poi chiedere a Lens "che cosa mangia?"

Una ricerca che capisce

Sappiamo bene come se cerchiamo qualcosa su Google questo potrà fornici suggerimenti su argomenti simili cercati da altre persone ma adesso Google si spinge oltre, sempre grazie a MUM. Adesso Google vi fornirà risposte a proposito di "cose che dovreste sapere".

Se per esempio avete cercato "vernice acriclica" Google analizzerà come solitamente gli utenti affrontano questo argomento e correlano le ricerche fra loro, per esempio fornendo fino a 350 argomenti riguardanti la vernice acrilica. Per esempio potrete navigare più in profondità per scoprire argomenti come "fare la vernice acrilica con gli strumenti casalinghi a disposizione", permettendovi di connettervi con una parte di internet che altrimenti non avreste mai trovato.

Ci si potrà poi restringere o allargare il cerchio (Google parla proprio di zoom), andando a scoprire di più sul puddle pouring o su dove imparare a dipingere, oppure allargarlo fino a includere argomenti come i vari metodi di pittura o pittori famosi. Questa novità arriverà su Google nei prossimi mesi.

Di più dai video

Già adesso Google analizza i video per scoprire i momenti salienti (come il canestro in una partita di basket o i passi di una ricetta), ma adesso l'azienda vuole andare oltre, fornendo una nuova esperienza che identifica gli argomenti del video, con collegamenti che vi permettano di navigare più a fondo e imparare altro (fornendovi in sostanza altre scuse oltre Wikipedia o Google Maps per non andare mai più a dormire).

Grazie a MUM verranno mostrati argomenti correlati, anche non specificatamente menzionati nel video, grazie all'avanzata comprensione delle informazioni nel video. Se per esempio si cerca "la storia della vita di un pinguino fronte dorata" il sistema capisce l'argomento e vi suggerisce contenuti come quelli dove si spiega come il pinguino fronte dorata riesca a ritrovare i componenti della propria famiglia. Questa funzione arriverà nelle prossime settimane ma si migliorerà ancora nei mesi successivi.

Google Lens: iOS e desktop

Google Lens sbarcherà presto anche su iOS (anche se inizialmente solo negli USA), mentre nei mesi successivi farà la sua comparsa anche su Chrome per desktop.

Trova quello che vuoi nei negozi fisici

Una nuova funzione della ricerca Google (che arriva oggi in molti paesi, ma non in Italia e solo in inglese) permetterà agli utenti ci cercare la disponibilità nei negozi fisici di un certo bene. Potrete quindi cercare prodotti specifici, oppure generici e scoprire se il negozio vicino a voi ne abbia disponibilità o meno.

Più autorevolezza nelle news

Quando si cerca qualcosa su Google, soprattutto se si parla di news troverete un indicatore che vi permetterà di scoprire di più su quella fonte, non solo dalle informazioni di Wikipedia (come succede ora), ma anche con quelle del sito stesso. Si potrà poi anche scoprire cose le persone dicono di quel sito e scoprire di più sullo stesso argomento. Questa funzione sarà disponibile inizialmente solo negli USA.

Creazione di indirizzi

Sarà possibile aggiungere il proprio indirizzo se assente in Google Maps. Sarà molto comodo in alcuni paesi dove la cartografia non è aggiornata, permettendo quindi a servizi come corrieri e servizi postali di venire trovati.

Incendi in Google Maps

A partire da ottobre sarà disponibile su Maps, per tutte le piattaforme, un nuovo livello che permetterà di scoprire in tempo reale dove si sono sviluppati gli incendi.

Scudi dal caldo

Sarà disponibile in 100 città in tutto il mondo (per iniziare) un nuovo strumento per scoprire dove trovare riparo dalle ondate di calore in modo naturale, ovvero protetti da uno scudo di alberi, in qualche parco o in qualche foresta.

Commenta