Google Traduttore aggiunge nuove lingue al suo repertorio, ma probabilmente non le avete mai sentite nominare

Edoardo Carlo Ceretti

Erano quattro anni che Google non aggiungeva nuove lingue al più poliglotta dei suoi servizi, ovvero Traduttore. D’altronde, il novero comprendeva già oltre 100 idiomi parlati nel mondo, andando ad interessare miliardi di potenziali utenti. Ora però se ne aggiungeranno altri 75 milioni, grazie alle 5 nuove lingue appena inserite.

Come era facile attendersi, si parla di lingue molto lontane dalla nostra quotidianità, parlate in alcune regioni specifiche di Paesi decisamente remoti. Si tratta della lingua turkmena, parlata in Turkmenistan, Iran e Afghanistan; della lingua tatara, parlata in alcune zone della Russia; della lingua uigura, parlata in Cina, Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan; della lingua oriya, parlata in India; e della lingua kinyarwanda, parlata in Congo, Uganda e Ruanda.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che dovete sapere sul 5G

Google Traduttore consente di tradurre testi e pagine web da e verso queste 5 nuove lingue, che portano a 108 il numero di idiomi supportati dal celebre servizio di traduzione. Un tesoro inestimabile, se si pensa che le lingue minori – secondo le previsioni dei linguisti – sono destinate a sparire nei prossimi decenni, sulla spinta della diffusione delle lingue più parlate al mondo, come inglese, spagnolo e cinese.

Fonte: Google
  • T. P.

    tatati=tartari i secondi sicurmamente più conosciuti! 🙂

    https://it.wikipedia.org/wiki/Tatari

    • Edoardo Carlo

      Bisognerebbe domandarlo a Giovanni Drogo.