Italiani sempre più connessi: aumento del consumo di dati su rete mobile e fissa

Italiani sempre più connessi: aumento del consumo di dati su rete mobile e fissa
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Italiani sempre più connessi secondo l'ultimo rapporto dell'Osservatorio settimanale di Agcom. L'Authority rileva un'esplosione del consumo di dati su rete mobile e un aumento costante del traffico anche su rete fissa, con situazioni di picco prima legate alla diffusione dei dati relativi al contagio e ai decreti governativi, mentre ora dovute alla visione delle partite di calcio durante il fine settimana. 

L'ente ha evidenziato un punto di svolta nella pandemia, che ha cambiato definitivamente le abitudini degli italiani, in generale da allora anche più propensi allo shopping online, ma in flessione da 2020 a 2021, soprattutto per quanto riguarda i primi tre store online: Amazon, Ebay e Subito.it.

Traffico dati da reti mobili in aumento del 33%

Incredibile exploit del traffico dati da rete mobile, che nel 2021 registra un consumo medio unitario giornaliero di dati per SIM "Human" (cioè "solo voce", "voce+dati" e "solo dati" che prevedono interazione umana, rispetto alle M2M) di circa 0,35 GB, una crescita del 33% rispetto all'anno precedente.

L'Authority registra a fine 2021 106,2 milioni di SIM sul territorio italiano (+2,2 milioni rispetto al 2020), con alcuni dati interessanti relativi all'uso, in quanto nell'88,7% dei casi si tratta di contratti attribuibili alla categoria "prepagata". Per quanto riguarda gli operatori,

  • per SIM Human+M2M comanda TIM con il 28,7% del mercato, seguita da Vodafone con il 28,4% e WindTre (24,5%)
  • per SIM solo Human la classifica vede WindTre in vetta (26,5%), poi TIM (25,5%) e Vodafone (23,1%)

Traffico dati da reti fisse, aumenta la fibra

Per quanto riguarda la rete fissa, il traffico dati medio giornaliero nel 2021 è aumentato del 19,3% rispetto al 2020 e, riguardo al periodo pre-Covid, del 78,7% rispetto al 2019, mentre nell'ultimo trimestre sembra essersi stabilizzato. L'osservatorio riporta un aumento delle connessioni in fibra: +950.000 su base annua per linee Fttc e +800.000 per linee Ftth, per 18,7 milioni di linee broadband complessive.

Le velocità? Le linee con velocità pari o superiori ai 30 Mbit/s hanno raggiunto il 77% delle linee broadband e il peso di quelle con prestazioni superiori ai 100 Mbit/s è aumentato fino al 61,6%. Per quanto riguarda gli operatori, Tim è al comando con il 41,4%, seguito da Vodafone con il 16,7%, Fastweb con il 14,7% e Wind Tre con il 14,1%.

Via: CorCom
Mostra i commenti