Il triste addio di Italiansbus (aggiornato: chiudono anche SubsFactory e Traduttori Anonimi)

Edoardo Carlo Ceretti -

Per mezzo di un’inaspettato post pubblicato su Facebook e sulla homepage del sito stesso, Italiansubs ha da poco diffuso un comunicato che nessuno dei suoi fan avrebbe mai voluto leggere. A causa di una serie di segnalazioni dovute all’utilizzo improprio dei contenuti realizzati dalla community – conosciuta anche come Itasa – la condivisione di sottotitoli di film, serie TV e documentari è sospesa a tempo indeterminato, con effetto immediato.

Il tema della violazione dei diritti d’autore si è intrecciata alla storia del web sin dai suoi albori e questa volta la scure si è abbattuta su una comunità che dal lontano 2005 si occupava di tradurre e condividere gratuitamente i contenuti di numerose produzioni televisive e cinematografiche in lingua inglese. Ironia della sorte, la notizia giunge a pochi giorni di distanza dall’approvazione della riforma del Copyright, da parte del Parlamento Europeo – nonostante, è bene sottolinearlo, la questione che interessa Italiansubs non ne abbia in alcun modo a che fare.

I ragazzi di Itasa ora hanno bisogno dell’aiuto dei tanti fan, che si sono conquistati nel corso della loro esperienza ultra decennale, per coprire le spese della consulenza legale a cui hanno dovuto ricorrere e per non far cadere nell’oblio i frutti del lavoro svolto negli ultimi 13 anni. Ci sarà inoltre la necessità di riorganizzarsi internamente, per capire se l’esperienza potrà, in futuro, ripartire sotto un’altra veste, oppure se dovrà essere scritta la definitiva parola fine.

Cari utenti di Italiansubs,

a partire da oggi 15 settembre 2018 non troverete più su questo sito alcun sottotitolo di serie TV, film o documentario per il quale non disponiamo dell’autorizzazione del titolare del copyright. Questo accade a seguito di segnalazioni di utilizzi impropri e illeciti da parte degli organi di controllo.

Ribadiamo dunque che d’ora in poi sarà impossibile caricare, scaricare e condividere in generale sottotitoli in violazione delle norme poste a tutela del Diritto d’Autore.

Per questo motivo e per darci modo di organizzarci internamente al meglio, tutto il forum resterà chiuso per una settimana, ad eccezione del thread di commento a questa news. Speriamo che possiate comprendere questa nostra esigenza.

Proprio perché Italiansubs è da sempre stato un luogo di incontro, confronto e discussione per molti, al fine di mantenere in vita il forum, vi chiediamo un piccolo supporto economico. Per gestire questa vicenda abbiamo dovuto ricorrere alla consulenza di un legale e, ovviamente, c’è una parcella da pagare. Come sapete Italiansubs è sempre sopravvissuta grazie alle donazioni di voi utenti e non vi abbiamo mai ammorbato con alcuna pubblicità o pop-up. Un piccolo gesto di solidarietà da parte vostra ci consentirebbe di coprire le spese legali e tenere in piedi il sito per i prossimi mesi, così che non vadano persi gli ultimi 13 anni di vita. Ma ci conoscete bene e sapete che, in caso di surplus, la parte restante verrà donata in beneficenza. Potete donare col bottone PayPal presente in home o facendo un bonifico all’IBAN IT23T36000032000CA011719485 intestato ad Antonio Pilolli (è un conto associato allo stesso PayPal).

In ultimo, vorremmo ringraziare voi utenti per averci accompagnato fin da quel lontano dicembre 2005 e per averci fatto sentire il vostro calore con ringraziamenti, critiche e suggerimenti. Siamo una delle community più belle e più grandi d’Italia soprattutto grazie a voi e siamo fieri di avervi accompagnato e aiutato ad abbattere le barriere linguistiche durante l’epoca d’oro delle serie TV.

Ma, non vogliatecene, desideriamo soprattutto ringraziare tutte le migliaia e migliaia di volontari che in 13 anni hanno contribuito a rendere Italiansubs quello che è, senza mai chiedere un centesimo in cambio. A loro, che sentiamo veramente come una famiglia allargata, vanno i nostri più sinceri ringraziamenti.

È stato un bel viaggio, no? Amiamoci

Gli admin di Italiansubs

:: #weareitasa ::
[www.italiansubs.net]

Aggiornamento19/09/2018

Italiansubs non è l’unica community ad interrompere la realizzazione di sottotitoli in italiano. Si aggiungono anche Subsfactory e Traduttori Anonimi: i siti web sono già offline, e le rispettive community hanno dato annuncio dell’interruzione del servizio.

A seguito degli eventi che hanno coinvolto il mondo del fansub, in attesa di comprendere l’effettiva portata di quanto accaduto, siamo costretti, nostro malgrado, a sospendere la pubblicazione e chiudere tutto l’archivio dei sottotitoli, a tempo indeterminato. Purtroppo è una decisione necessaria, dipesa da fattori a cui siamo estranei, ma che indirettamente ci coinvolge tutti. Potete continuare a commentare le serie sul FORUM E seguirci sulla pagina FB.

ANNUNCIO
A seguito degli ultimi sviluppi, il sito rimarrà offline fino a data da destinarsi.

Lo Staff

Fonte: Italiansubs, Italiansubs (Facebook)
  • Psyco98

    MA COSA! NON HA IL MINIMO SENSO! Uno se vuole vedersi le cose in lingua per avere traduzioni decenti invece delle tragiche a cui siamo abituati non può perché viola il diritto d’autore?
    Io adesso tendo ad usare sottotitoli anch’essi in inglese, ma i miei 5€ per la causa li metto più che volentieri.

    • È inutile nascondere però che la maggior parte li usasse per guardare serie piratate in inglese.

      • pietro smusi

        si ok, ma che centrano loro?
        Loro traducevano e basta

        • C’entra che i dialoghi delle serie sono comunque coperti da diritto d’autore, così come le immagini o le musiche.

          • pietro smusi

            effettivamente xD

          • Psyco98

            Mica plagiavano. Sono stati usati come mezzo per piratarle, questo è ovvio, ma se non viene fornita un’alternativa a chi magari non vuole sentire le solite 4 voci (da quando mia madre vede di nuovo la TV si gioca a “trova Fry” quando sono a casa) la legittimità mi cala…
            Io personalmente ho imparato più inglese con Itasa che con metà dei prof avuti dalle medie alle superiori (sarebbero un po’ meno, ma ad un certo punto ho superato il “da programma” scolastico) e dubito fortemente di essere l’unico.
            Manco l’avessero fatto (come chi carica sui siti) a scopo di lucro: mai vista una pubblicità su Itasa e simili, sempre andati avanti con un minimo di donazioni.

          • Capisco cosa dici ma rimane il fatto che sono comunque coperti dal copyright. Al massimo si dovrebbe far pressione sulle aziende per fargli portare i contenuti inediti anche in Italia.

      • Psyco98

        Vero, nessuno lo mette in dubbio, il problema è che hanno denunciato loro per violazione di copyright, che più o meno sarebbe come denunciare un venditore di scalpelli se qualcuno li usasse per uccidere gente.
        Itasa è ciò che mi ha permesso di vedere breaking bad senza sorbirmi i vari “nitrogeno” e “a me non possono sparare” :'(

        • Non dico che sia giusto, dico solo che è così 🙂

        • pietro smusi

          “a me non possono sparare”
          Il dolore che abbiamo provato tutti

  • OlioDiCozza

    Sono stati degli stupidi a mettersi sotto il riflettore con quel cavolo di Subs Heroes, con i sottottitoli bisogna volare basso.

  • Simone De Martinis

    Ho letto “ItaliansBUS” nel titolo e sono rimasto perplesso, pensavo fosse una piattaforma di noleggio autobus😂😂😂

    • Psyco98

      Ah, se ci fosse e convenisse troppo vedrebbero di chiudere pure quella, tranquillo.

  • aly

    perchè prima non era illegale piratare? ma andate a morire male,idioti…ah già la scusa per spillare denaro pure voi,i contributi ficcateveli nel culo.

  • Psyco98

    Aggiornamento: devono morire male. Supernatural in Italia non lo trasmette NESSUNO, mia madre già è tanto che si legge i sottotitoli in italiano. Io quello potrei quasi seguirlo senza nemmeno quelli in inglese, ma adesso come cazzo fa? Idem per Big Bang Theory.
    Dire che in Italia il copyright è gestito di merda è la cosa più gentile che riesca a pensare, anche pensando alla Siae e tutto quello che ci gira intorno…

    • Lungi dal me difendere le loro scelte ma Supernatural è stato sulla Rai e Big Bang Theory su Mediaset e Infinity.

      • Psyco98

        In italiano. Big bang theory è tra le peggiori traduzioni viste recentemente, il punto è questo. Diventano inguardabili quando sai che tolgono le battute nerd da una serie basata su 4 nerd.
        Quello che da fastidio è che non esiste un’alternativa legale per vedersele coi sottotitoli in italiano (o sottotitoli che non siano una trascrizione del doppiaggio italiano).

  • Lindorrr Luka

    Se tutti evadessero le tasse, sta gentaglia non avrebbe fatto chiudere sti siti.