Metaverso, i numeri da record del mercato immobiliare virtuale

Il mercato immobiliare nel metaverso è in forte crescita come dimostrano alcuni dati: entro fine anno potrebbe fruttare 1 miliardo di dollari
Metaverso, i numeri da record del mercato immobiliare virtuale
SmartWorld team
SmartWorld team

Piccoli quadratini virtuali acquistati a peso d'oro in criptovalute, nella speranza che l'investimento fatto al "buio" possa tradursi prima o poi in una favorevole opportunità di profitto. Da quando Mark Zuckerberg ha cambiato nome a Facebook per svelare al mondo intero i suoi piani di ingresso nel metaverso, il mercato immobiliare digitale ha visto crescere la propria quota raggiungendo cifre altissime. Secondo i dati riportati dall'agenzia di analisi Metametric Solutions, la compravendita di immobili virtuali nelle quattro principali piattaforme del metaverso (Sandbox, Decentraland, Cryptovoxels e Somnium) ha superato gli 85 milioni di dollari nel solo mese di gennaio 2022, per un mercato che ha chiuso l'anno passato raggiugnendo un valore complessivo di 500 milioni di dollari. Se il trend del mese scorso dovesse confermarsi anche nel prosieguo, non è da escludersi il raggiungimento di un giro d'affari da 1 miliardo di dollari entro la fine dell'anno.

Mercato immobiliare virtuale: tanti rischi, ma grosse opportunità di profitto

Potrebbe suonare strano che qualcuno stia mettendo mano al portafogli per acquistare un appezzamento virtuale più o meno ampio, la cui proprietà viene riconosciuta protetta e certificata sotto forma di NFT. Come per le opere digitali e per il primo tweet della storia firmato Jack Dorsey – l'ex amministratore delegato, nonché fondatore di Twitter – valgono le medesime considerazioni: potremmo trovarci di fronte a investimenti lungimiranti e profittevoli, o all'opposto davanti a una gigantesca bolla speculativa pronta a esplodere fragorosamente nei prossimi anni. In effetti, anche gli analisti sono concordi nel ritenere che l'investimento nel mercato immobiliare virtuale nasconda rischi elevatissimi, pur nella consapevolezza di altrettanto elevati margini di guadagno. In molti, in ogni caso, sono pronti a scommettere sulla crescita del settore: secondo un rapporto di BrandEssence Market Research, tra il 2022 e il 2028 il mercato immobiliare digitale potrebbe sfiorare una crescita annuale pari al 31%.

A spingere il settore è sicuramente la Block Chain ma anche il metaverso, quel luogo virtuale dalle dimensioni sterminate e potenzialmente infinite dove si potranno fare un sacco di cose, da quelle ricreative a quelle più attinenti con il lavoro e la produttività. Qualcuno lo ha già definito come Web 3.0, ossia la versione più recente di Internet. E come trent'anni fa quando la rete digitale iniziava a muovere i suoi primi passi, il metaverso è ancora in costruzione. Da qui si spiega il motivo per cui le persone – ma per la verità si tratta più di aziende, come spiegato anche dagli stessi analisti – stanno investendo pesantemente nell'acquisto di queste terre virtuali, che dovrebbero servire per costruire il metaverso. Più utenti entreranno in questo mondo virtuale attraverso le proprie identità digitali, più ci sarà bisogno di utilizzare lo spazio immobiliare virtuale.

Allo stato attuale, chi sta effettuando questo tipo di investimenti si trova dinanzi a una duplice scelta: costruire e fare cose virtuali negli appezzamenti acquistati (come ad esempio uno spazio di co-working per ospitare riunioni di lavoro, o un luogo per eventi musicali, negozi e molto altro), oppure tenerseli stretti per poi rivenderli in futuro, magari a un prezzo più alto. Il vantaggio dell'attività immobiliare digitale è l'assenza di limiti, anche perché lo stesso metaverso è uno spazio virtuale infinito. Lo svantaggio è che tutto è ancora molto aleatorio: c'è il "profumo" di ritorni economici ingenti nel caso in cui le cose dovessero prendere la piega giusta, ma c'è anche il rischio che tutto esploda irrimediabilmente. E non si tratta di una cosa da poco.

Come investire nel mercato immobiliare virtuale

Per poter comprare un appezzamento di terra virtuale bisognerà innanzitutto possedere determinate criptovalute in appositi wallet. Le quattro piattaforme più famose nelle vendite di immobili virtuali nel metaverso sono Sandbox (dove si utilizza la valuta sand), Decentraland (la cui valuta è conosciuta come mana), Cryptovoxels e Somnium; in alternativa, è possibile passare attraverso una piattaforma di terze parti come OpenSea. A differenza del mercato immobiliare reale, non ci sono valutazioni nel metaverso, almeno non ancora. Tuttavia, potrebbero esserci opportunità di negoziazione sul prezzo: ad esempio, Decentraland consente di farne un'offerta, che può essere accettata o rifiutata dal proprietario. L'oggetto di acquisto è, come detto all'inizio, un quadratino più o meno ampio inserito in una grande mappa, ognuno dei quali identificato da specifiche coordinate. E proprio come accade nel mercato immobiliare che siamo soliti conoscere, il valore del terreno è spesso e volentieri subordinato anche ad alcune variabili, e tra queste c'è anche la posizione nella mappa. Una volta effettuato l'acquisto, la transazione viene registrata sul portafoglio digitale e genera un titolo NFT, un certificato che ne attesta l'autenticità e la proprietà.

Le vendite record

Volendo fare un esempio concreto, Snoop Dogg sta sviluppando su SandBox una piattaforma di realtà virtuale orientata al gioco e all'intrattenimento, chiamata "Snoopverse". Questa piattaforma è pensata per essere il mondo virtuale di Snoop Dogg all'interno del metaverso. Ma cosa c'entra con la questione della crescita del mercato immobiliare digitale? Ebbene, pare che un fan di nome P-Ape abbia acquistato all'inizio di gennaio un appezzamento di terreno digitale all'interno dello Snoopverse sborsando qualcosa come 450.000 dollari. Vale pure la pena ricordare la vendita di un terreno virtuale su Decentraland per l'equivalente di 900.000 dollari: la transazione, effettuata a giugno dello scorso anno, è stata condotta nella criptovaluta mana. A inizio anno, Tokens.com ha sborsato 2,8 milioni di dollari in un terreno virtuale destinato a trasformarsi in un vero e proprio centro commerciale.

Mostra i commenti