Microsoft Defender corregge una delle falle che affliggevano i server di Exchange

Microsoft Defender corregge una delle falle che affliggevano i server di Exchange
Enrico Gargiulo
Enrico Gargiulo

Esattamente dieci giorni fa vi parlavamo delle vulnerabilità dei server di Microsoft Exchange, di recente sotto l'attacco del gruppi di hacker Hafnium e di alcuni altri non meglio identificati. La società ha inizialmente rilasciato un semplice strumento per cercare di diminuire il rischio di attacchi sui server vulnerabili e solo oggi, attraverso un post, ha comunicato di aver corretto la falla identificata dal codice CVE-2021-26855:

"Adesso Microsoft Defender Antivirus è in grado di riconoscere e riparare questa falla sui server che ne risentono in modo completamente automatico e gli utenti non dovranno far altro che assicurarsi di aggiornare il programma all'ultima versione (build 1.333.747.0 o più recente), qualora non avessero abilitati gli aggiornamenti automatici". Microsoft ribadisce quanto importante sia questa correzione in quanto CVE-2021-26855 era una delle quattro vulnerabilità collegate all'attacco subito da Exchange e che i "Security Update" siano il modo migliore per proteggere i propri server.

Questi sono ad oggi il modo più efficace per proteggere i server dagli attacchi più recenti e quelli già contrastati in passato, mentre nuovi rapporti evidenziano come gli hacker protagonisti stiano incrementando gli attacchi sui server vulnerabili, pertanto qualora foste utilizzatori di Microsoft Exchange Server, il consiglio sempre valido è di controllare i propri sistemi per esser certi di esser stati colpiti o meno e, nel caso, prendere gli opportuni provvedimenti.

Commenta