Mozilla è l’eroe che non meritiamo, ma di cui abbiamo bisogno. Rimosse quasi 200 estensioni maligne

Giovanni Bortolan -

Giusto ieri parlavamo di come in passato Mozilla avesse strigliato Avast rimuovendo due delle sue estensioni per violazione della privacy degli utenti. Nelle scorse due settimane, il team della Volpe ha rincarato la dose bannando e successivamente rimuovendo la bellezza di 197 estensioni dal portale Add-On del browser (AMO), per evitare ulteriori installazioni da parte degli utenti.

LEGGI ANCHE: Shadowgun War Games: annunciata la data di lancio ufficiale

Sorprendentemente, 129 estensioni risalivano allo stesso sviluppatore, 2Ring, un provider di software B2B (business-to-business). Le estensioni incriminate erano colpevoli di scaricare ed eseguire dei pacchetti di codice da un server remoto, pratica non in linea con le regole Mozilla, che infatti esige che le estensioni si attengano esclusivamente al loro codice, senza effettuare download dinamici esterni.

L’ondata di ban, che ha coinvolto anche diverse estensioni per la gestione di PDF, arriva di pari passo con l’inasprimento delle regole imposte da Mozilla per l’upload di nuovi add-on, sia Web che mobile.

Severi sì, ma con il cuore tenero. Mozilla ha infatti stilato la lista delle estensioni bannate utilizzando i loro codici identificativi e non i loro nomi usati nello store, per permettere agli sviluppatori di fare appello contro il ban e rivedere in positivo il funzionamento dell’add-on, senza minare la credibilità dello sviluppatore agli occhi dell’utente.

Via: ZDNet