Non solo email, ormai lo spam ci fissa gli appuntamenti su Google Calendar (foto)

Vincenzo Ronca -

La ricezione di email contenenti comunicazioni improbabili riguardo ad un nostro zio di terzo grado che ci ha lasciato una cospicua eredità sono abbastanza frequenti e non è difficile intuire che in realtà hanno lo scopo di estorcerci dati personali, per questo spesso il loro destino è la cartella spam.

Dunque anche chi sta dietro questo tipo di contenuti si è evoluto ed ora gli spam possono raggiungerci anche attraverso gli appuntamento Google Calendar. Quello che vedete nella galleria in basso ne è un esempio: gli “scammers” sfruttano l’impostazione predefinita del calendario di Google per la quale viene fissato un appuntamento al momento della ricezione dell’invito. Questa impostazione prescinde dall’accettazione dell’invito, dunque l’appuntamento viene fissato anche se l’email di invito finisce nella cartella spam.

LEGGI ANCHE: Pamu Slide, la recensione

Lo scopo di tutto questo? L’invito è impostato in modo tale da inviare un promemoria a pochi minuti dall’evento fittizio e propone un link all’utente mediante il quale vengono richieste informazioni sensibili, come quelle relative alle carte di credito personali. Fortunatamente anche Google Calendar offre uno strumento di segnalazione analogo a quello di Gmail per i contenuti spam.

Per difendersi da questo tipo di contenuti vi consigliamo di prevenirli disattivando l’impostazione di creazione automatica degli appuntamenti in seguito ad un invito: basta recarsi nell’apposita sezione delle impostazioni di Calendar, alla voce “Aggiungi automaticamente inviti“.

Via: Android PoliceFonte: Artem Russakovskii (Twitter), Wired
  • off

    Classica impostazione che dovrebbe essere di default disattivata e casomai attivata dall’utente e non viceversa!

  • funcool

    se vado in impostazioni non vedo la voce “Aggiungi automaticamente inviti“, dove sbaglio?