Nuove conferme per la rete fissa di Iliad, ma la strada non è tutta in discesa

Vincenzo Ronca -

Pochi giorni abbiamo parlato dei lavori alla rete fissa che Iliad sta producendo per lanciarla addirittura entro settembre 2020. Ormai è chiara la volontà dell’operatore telefonico di tuffarsi nel nuovo mercato di telefonia fissa anche in Italia, dopo essere diventato un punto fermo per il mercato francese.

Nelle ultime ore sono emerse ulteriori conferme che avvalorano questa ipotesi: il Ministero dello Sviluppo Economico ha rilasciato a Iliad l’autorizzazione generale per servizi di telefonia vocale su rete fissa. Adesso rimane il nodo del gestore di rete al quale appoggiarsi: Open Fiber potrebbe rappresentare la scelta più logica e più semplice, ma non è escluso che Iliad possa optare per un secondo gestore nelle zone in cui Open Fiber non arriva. Questo è lo stesso principio seguito da Tiscali.

LEGGI ANCHE: la nostra anteprima di The Last of Us 2

Sullo sfondo c’è un’altra questione che potrebbe riguardare indirettamente le strategie scelte da Iliad: la realizzazione della rete unica TIM – Open Fiber e di chi controllerà la società nascente. Quest’ultimo punto è fondamentale per capire se verrà confermata la neutralità della nuova azienda che controllerà la rete unica.

LE MIGLIORI OFFERTE ILIAD:

Via: UniversoFree