Slack rilascia l’aggiornamento grafico più importante della sua storia: ecco tutti i dettagli (foto)

Vincenzo Ronca

Slack è uno dei servizi di messaggistica più utilizzati al mondo, in modo rilevante negli ambiti lavorativi. La versione desktop di Slack ha appena ricevuto un pesante aggiornamento all’interfaccia grafica, il più grande della sua storia stando a quanto riferito dal suo direttore del design.

La prima novità rilevante riguarda il nuovo design della barra laterale: ora è possibile raggruppare determinati canali in un unico sotto menù a comparsa. La novità permetterà di nidificare tutti i canali in modo personalizzato, ma sarà disponibile solo per gli account premium. Poi è stato aggiunto un collegamento unico e rapido per la composizione di un nuovo messaggio, questo poi può essere direzionato al canale di destinazione anche direttamente dalla sezione delle bozze.

LEGGI ANCHE: le 10 migliori app per le videochiamate di gruppo

Un altro sostanziale miglioramento è stato apportato alla sezione di ricerca delle emoji per rispondere ai messaggi e alle menzioni: ora la sezione corrispondente è molto più accessibile tramite una barra laterale. È stata implementata anche una barra superiore per favorire la navigazione tra i vari canali e i messaggi privati: a tal proposito è stato integrato il supporto alle scorciatoie da tastiera per la navigazione, esattamente quelle che funzionano su browser web. Infine, sono state apportate altre piccole modifiche grafiche, come la maggiore spaziatura tra gli elementi della barra laterale.

Slack ha fatto sapere che il pesante aggiornamento grafico è stato sviluppato anche in collaborazione con i suoi utenti, ascoltando i loro suggerimenti. Tutte le novità appena descritte sono destinate alla versione desktop e web di Slack, ma anche per l’app per dispositivi mobili sono previste delle novità dal punto di vista dell’interfaccia grafica.

L’aggiornamento per Slack verrà distribuito a partire da oggi globalmente, chiaramente ci vorrà qualche giorno affinché il rollout si completi.

Via: The Verge