Telegram si crede Facebook: attivato il nuovo widget per il login sui siti web col proprio account (foto)

Vezio Ceniccola

Dopo le novità già annunciate per l’app Android, Telegram continua ad espandere le sue funzionalità anche per quanto riguarda i servizi integrati, aprendosi al resto del web. Grazie al nuovo widget login, sarà infatti possibile utilizzare il proprio account per accedere a siti di terze parti, con la comodità di poter verificare l’accesso tramite l’app di messaggistica.

Lo strumento è concettualmente identico a quello che già permettono di fare altri servizi come Facebook, Google o Twitter. Una volta che un sito avrà integrato il widget di Telegram, sarà possibile inserire il proprio numero di telefono per accedere ai suoi servizi. A questo punto, sullo smartphone comparirà un messaggio Telegram che consentirà di verificare l’accesso: accettata l’autorizzazione, sarà subito possibile utilizzare tutti i servizi del sito richiesto.

Accedere tramite Telegram significa consentire al sito di ricevere informazioni sul nostro nome, sull’username e sulla nostra immagine profilo, mentre il numero di cellulare non sarà condiviso. Inoltre, dopo ogni connessione riceveremo un riassunto sui dati e sui permessi rilasciati al sito. Questo assicura una barriera di difesa importante, visto che solo una parte dei dati privati viene resa accessibile al sito ed è possibile revocare le autorizzazioni in ogni momento.

LEGGI ANCHE: Il buon proposito per il 2018 di Facebook

La possibilità di utilizzare il widget di Telegram rende più semplice anche l’uso dei bot dei relativi siti, che ora possono inviare messaggi direttamente sul dispositivo su cui abbiamo installato l’app, dandoci informazioni sugli eventuali servizi attivati col nostro account Telegram.

La nuova funzione di accesso è già stata abilitata sull’ultima versione Android di Telegram, mentre arriverà in seguito su iOS e sulle altre piattaforme. Se volete saperne di più sul widget per i siti di terze parti e sul login tramite app, trovate tutti i dettagli a questo indirizzo.

Fonte: Telegram