Quanto tempo passiamo sui social in un mese?

I social ormai comandano l'intrattenimento, e a farne le spese sono le piattaforme di streaming
Quanto tempo passiamo sui social in un mese?
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

I social network sono ormai diventati uno dei maggiori vettori di intrattenimento, ma dare dei numeri è sempre utile per mettere le cose in prospettiva. Ne sanno qualcosa giganti come Netflix e Facebook, in piena emorragia di utenti e alla ricerca di un modo per contrastare i nuovi attori come TikTok.

Ed è proprio TikTok il social che emerge in uno studio di TheNetworkEC, in cui si vede come un utente medio trascorra più di una giornata al mese sulla piattaforma, praticamente "frantumando" la concorrenza.

E lo streaming video? Diventa una torta sempre più piccola, con un numero sempre maggiore di concorrenti, e a farne le spese sono i giganti del settore, che si devono reinventare. Cinque anni fa il fondatore e capo di Netflix Reed Hasting raccontava come il più grande concorrente della sua azienda fosse il sonno. Gli utenti passavano le serate sfogliando il catalogo per decidere che film guardare, ma ora le cose sono cambiate. Le alternative sono così ampie e frammentate, con contenuti di sempre maggiore qualità, che non si arriva neanche al catalogo, ma si perde tempo a decidere che piattaforma aprire.

Pensiamo per esempio a Disney+, che in pochi mesi ha attirato quasi 130 milioni nuovi utenti, con l'obiettivo di raggiungerne 230 milioni entro il 2024 (contro i 222 milioni accumulati da Netflix in 15 anni). Netflix ha così cominciato a perdere utenti e sta pensando a un modo per correre ai ripari. Quindi da un lato arrivano gli abbonamenti con pubblicità (una volta odiata da Hasting), meno costosi per arginare la condivisione degli account, e dall'altro gli investimenti in nuovi settori, come quello dei videogiochi. Secondo alcuni analisti, il regno di Netflix è al capolinea, ma aspettiamo a darla per spacciata, dopotutto ha battuto Blockbuster.

Fonte: TheNetworkEC
Mostra i commenti