Tim e Open Fiber, firmato accordo per andare avanti sulla rete unica

Tim e Open Fiber, firmato accordo per andare avanti sulla rete unica
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

TIM e Open Fiber accelerano sulla rete unica, con il Governo e Cassa depositi e prestiti (Cdp) sempre più intenzionati alla realizzazione del progetto in quanto giudicata insensata dal punto di vista industriale la duplicazione degli investimenti sulla rete.

La nuova spinta al piano (ormai risalente a due anni fa) è stata data dalla firma di un nuovo accordo di riservatezza tra TIM e Cdp Equity (detentrice del 60% di Open Fiber) al fine di avviare interlocuzioni preliminari riguardanti l'eventuale integrazione delle due reti. La firma, promossa da Consob, porterà entro il 30 aprile alla stipula di un protocollo di intesa per definire obiettivi, perimetro, struttura e principali criteri e parametri di valutazione relativi al progetto di integrazione.

Cosa succede ora? Se da un lato l'accordo arriva alla vigilia dell'offerta da parte del fondo americano Kkr e all'indomani della proposta di acquisto di una partecipazione di minoranza da parte del fondo Cvc, in qualche modo stabilendo una presa di posizione del governo, resta da vedere cosa accadrà con i fondi del Pnrr, a cui sia TIM che Open Fiber si sono già canditate. In ballo ci sono 3,7 miliardi destinati a portare banda ultralarga nelle aree grigie, ma cosa succederà in caso di un'integrazione?

Via: CorCom
Mostra i commenti