TIM, Tiscali e Linkem sono i primi operatori domestici ad adeguarsi all’utilizzo dei bollini (aggiornato)

Edoardo Carlo Ceretti Si tratta di un nuovo sistema di simboli, imposto dall'AGCOM, finalizzato a rendere più chiara ed immediata la comprensione del tipo di tecnologia impiegata per una data offerta.

A metà luglio vi abbiamo riportato la delibera dell’AGCOM circa l’uso improprio di molti operatori del termine fibra ottica, stabilendo che soltanto chi avesse le infrastrutture adatte per garantirla potesse fregiarsene. Allo scopo, ha inoltre deciso di imporre l’utilizzo di bollini che rendessero inequivocabile e immediatamente evidente il tipo di connessione garantita al momento dell’offerta.

In particolare, i bollini sono tre e riprendono nei colori e idealmente nel significato quelli di un classico semaforo: il bollino rosso (con la lettera R di rame o radio) corrisponde alla connessione ADSL, ovvero la più scadente in termini di velocità garantita; il bollino giallo (con FR di fibra mista rame/radio) indica la connessione FTTC o FTTB; infine il bollino verde (con la F di fibra) corrisponde alla miglior connessione possibile, completamente in fibra ottica, ovvero FTTH.

LEGGI ANCHE: Fibra.City: l’operatore che promette la vera fibra ottica al minor prezzo

Ad oggi, i primi e unici operatori ad essersi adeguati alla delibera AGCOM sono TIM e Tiscali, mentre secondo le indiscrezioni Wind lo farà a partire dalla prossima settimana. In particolare TIM ha già assegnato i bollini a ciascuna offerta attualmente in catalogo: rosso per TIM ADSL Connect, rosso e giallo (a seconda che si tratti di FTTC o FTTE) per TIM Connect XDSL e verde per TIM Connect Fibra.

Aggiornamento08/08/2018 ore 19:00

Diversamente da quanto scritto nell’articolo originale, insieme a TIM e Tiscali, anche Linkem si è da subito adeguato alla delibera dell’AGCOM, sposando lo spirito di trasparenza che va a vantaggio dei clienti e della libera concorrenza. Ecco quanto dichiarato da Linkem a riguardo:

Linkem si è sempre distinta positivamente tra gli operatori delle telecomunicazioni, siano essi mobile e fisso, per le proprie pratiche commerciali trasparenti, con alti standard di qualità del servizio e impegni di responsabilità nei confronti dei clienti. Linkem è quindi favorevole a questa e ad altre misure che consentano un’equa competizione nel mercato e la lotta alle scorrettezze tra operatori, che creano un danno unicamente ai consumatori finali.


Via: Mondomobileweb