La fusione Tiscali-Linkem è stata approvata: sarà il quinto operatore fisso nazionale

La fusione Tiscali-Linkem è stata approvata: sarà il quinto operatore fisso nazionale
Antonio Lepore
Antonio Lepore

La fusione tra Tiscali e Linkem è ormai cosa fatta. Le assemblee di azionisti di entrambe le società, infatti, hanno dato il via libera definitivo: nasce, così, il quinto operatore nazionale nella telefonia fissa, e primo nel segmento degli accessi ultrabroadband con tecnologie Fwa-Ftth. Prima di entrare nel vivo della notizia, potrà essere utile utilizzare il nostro motore di ricerca per individuare l'offerta di rete fissa più interessante.

Linkem diverrà titolare di una partecipazione del 61% del capitale sociale di Tiscali. Nel dettaglio, Renato Soru, Ad di Tiscali, ha affermato: "Oggi, insieme a Linkem, inizia una nuova epoca per Tiscali, dopo aver contribuito in modo significativo alla rivoluzione di Internet nel nostro Paese e aver nell'ultimo periodo ridefinito il suo business. Per Tiscali è arrivato il momento di guardare al futuro con nuove forze e rinnovato entusiasmo. Sono felice di accompagnare la Società in questo fondamentale passaggio insieme a Davide Rota e al suo team".

Davide Rota, Amministratore delegato di Linkem, si è soffermato sulle possibilità che consentirà di raggiungere questa fusione: "Grazie all'operazione di consolidamento, la nuova Tiscali sarà leader di mercato nelle tecnologie Fibra – Fixed Wireless 5G, con una importante quota di mercato. Sfrutteremo tutte le potenziali sinergie per posizionarci sul mercato con nuove offerte dedicate alla digitalizzazione delle imprese e delle pubbliche amministrazioni per lo sviluppo di progetti di "Smart Cities".

Via: CorCom
Mostra i commenti