Truffa INPS: attenzione ad email e telefonate che chiedono dati sensibili per l’accredito di un bonifico

Lorenzo Delli

C’è un nuovo tentativo fraudolento di impossessarsi di dati sensibili che sta colpendo vari utenti in questi giorni. È la stessa INPS ad avvertire i cittadini di questa truffa visto che viene mascherata come una vera e propria richiesta di dati da parte dell’INPS stessa.

Alcuni utenti hanno ricevuto un email che richiedeva l’aggiornamento delle proprie coordinate bancarie affinché l’istituto potesse procedere con l’accredito di un bonifico. Ovviamente la email conteneva un link ad un sito dove inserire vari dati sensibili.

Il tentativo di truffa non scatta solo via email. Altri utenti ancora hanno ricevuto telefonate nel corso delle quali un finto operatore INPS chiedeva dati relativi alla posizione nell’ambito di soggetti di diritto privato, come società o associazioni.

LEGGI ANCHE: Il bus futuristico cinese era in realtà una maxi-truffa

Ovviamente l’INPS ricorda che in nessun caso l’istituto acquisisce dati sensibili riguardo i cittadini tramite telefonate o semplici email. La regola vale per qualsiasi istituto, negozio online o altro: se tramite email o telefonate vi chiedono dati sensibili non comunicateli per alcuna ragione.

Fonte: INPS