Twitter si prepara a grandi pulizie: via gli account inattivi da più di 6 mesi, ma ci saranno eccezioni (foto)

Vincenzo Ronca

Twitter, una tra i più noti ed utilizzati social network, si sta preparando ad importanti azioni nel prossimo mese: la società avrebbe deciso di eliminare tutti gli account inattivi da almeno 6 mesi.

Come riportato dalla BBC, Twitter avrebbe intenzione di eliminare tutti gli account che non effettuano l’accesso da più di 6 mesi: l’azione avrebbe effetto a partire dal prossimo 11 dicembre, previo avviso tramite email dato agli utenti in questione. Questo si rifletterà su un gran numero di utenti e probabilmente anche sul numero di follower di personaggi noti. Sicuramente non si rifletterà sulla popolarità del social network: infatti Twitter dichiara il suo numero di utenti considerando solo quelli che effettuano il login almeno una volta al giorno.

LEGGI ANCHE: guida a tutte le offerte del Black Friday

Il provvedimento di Twitter si estenderebbe anche al di fuori degli Stati Uniti: l’eliminazione degli account inattivi sarebbe prevista anche per la regione europea. Chiaramente ci si aspettano delle eccezioni: le più rilevanti potrebbero riguardare gli utenti defunti, nei casi in cui i parenti non possiedono le credenziali di accesso ma vogliono comunque conservare alcuni ricordi.

Il blocco degli account inattivi annunciato da Twitter coinvolgerà anche gli account bot o i semplici archivi di notizie, a meno che i legittimi proprietari non effettuino l’accesso prima dell’11 dicembre. Twitter ha anche ventilato la possibilità di eliminare, in futuro, quegli account relativi ad utenti che non interagiscono attivamente con la rete sociale, pur effettuando l’accesso giornalmente.

Via: Engadget
  • L0RE15

    Sei mesi mi sembra davvero poco! Almeno un anno.

  • Alessandro Fiorito

    Arrivate un po’ in ritardo: come da tweet da voi inserito, la cancellazione è stata posticipata finché non avranno implementato gli account commemorativi.
    Inoltre non è che la cancellazione riguarderà anche l’Europa, ma riguarderà SOLO l’Europa (per adesso quantomeno)