Twitter come Patreon? Arrivano i Super Follows a pagamento

Giuseppe Tripodi Durante l'Analyst Day del 25 febbraio, la società ha annunciato diverse novità interessanti, alcune delle quali a pagamento, che potrebbero cambiare radicalmente il social network

Tweet “in abbonamento” ma non solo: in occasione di un evento dedicato agli investitori, Twitter ha annunciato nuove funzionalità, che cambieranno parecchio il volto del social network.

Le nuove funzioni non sono ancora attive e non sono state annunciate date per il debutto, ma si tratta dei più grossi cambiamenti introdotti dall’azienda da lungo tempo a questa parte.

LEGGI ANCHE: Twitter copia Clubhouse: si diffondono gli “spazi”

Super Follow

La novità più corposa riguarda i Super Follow: si tratta della possibilità di sottoscrivere dei veri e propri abbonamenti (nell’esempio di Twitter, a 4,99$/mese) per accedere a contenuti esclusivi condivisi da un account.

È una funzionalità pensata per influencer e content creator, che potranno pubblicare tweet esclusivi per i propri supporter, ma anche condividere con loro una newsletter, l’accesso a una community (vedi sotto) e quant’altro. Inoltre, chi acquista un Super Follow potrà vantare un Supporter badge sul suo profilo.

Il Super Follow permetterà agli utenti di monetizzare i propri contenuti su Twitter, con un modello basato su pagamenti diretti che abbiamo già visto funzionare su altre piattaforme (basti pensare a Patreon). Inoltre, sebbene non ci siano molte informazioni in merito, è lecito aspettarsi che  Twitter tratterrà una percentuale da questi ricavi, sebbene ad oggi non ci siano ulteriori informazioni in merito.

Community

L’altra grande novità di questa piccola rivoluzione di Twitter sono le community: com’è facile immaginare, si tratterà sostanzialmente di gruppi, a cui gli utenti si iscriveranno e parteciperanno per condividere tweet relativi ad un interesse comune. Inoltre, ogni community potrà stabilire le proprie regole di moderazione, per mantenere un clima sereno tra i propri membri.

Il primo pensiero va ovviamente ai gruppi di Facebook, una funzionalità relativamente nuova che ha avuto parecchio successo, e su cui il social network di Mark Zuckerberg sta scommettendo molto. I membri di una comunità con interessi comuni tendono ad interagire più facilmente tra loro e creare questo genere di spazi favorisce le interazioni.

Non ci sono molte altre novità in merito, ma sappiamo che le community su Twitter dovrebbero arrivare entro la fine dell’anno.

Safety mode

Considerando che Super Follow e Community dovrebbero intensificare le interazioni sul social network, Twitter ha pensato anche ad un nuovo strumento di moderazione, chiamato Safety mode. Abilitando questa funzionalità, gli utenti bloccheranno in automatico gli account che sembra stiano violando le regole di Twitter e silenzieranno in automatico gli account che fanno uso di linguaggio d’odio, insulti e così via.

La Safety mode andrà a braccetto con le suddette regole di moderazione delle community e permetterà agli amministratori di queste ultime di identificare e bloccare facilmente i troll che provano ad “infiltrarsi” dentro una community.