WindTre taglia i costi di attivazione delle offerte Fibra (e non solo) in risposta alle richieste di AGCOM

Giovanni Bortolan

Il nuovo operatore unico WindTre ha comunicato che, a partire da oggi, le attivazioni delle offerte di rete fissa con internet non prevederanno più alcun costo di attivazione rateizzato. Subisce delle modifiche anche il costo della migrazione da ADSL a Fibra ottica. Entrambe queste iniziative dovrebbero rispecchiare la richiesta dell’AGCOM di adottare delle misure per fronteggiare il maggior bisogno di reti internet dovuto all’emergenza coronavirus.

Fino ad ora il costo di attivazione (pari a 120€ rateizzato in 24 rate mensili) veniva addebitato solo in caso di recesso anticipato. In caso di un recesso al tredicesimo mese di contratto, l’importo dovuto all’operatore sarebbe ammontato a 55€ (11 rate da 5€ ciascuna). Questo meccanismo è stato “ereditato” da WindTre dai suoi ex operatori costituenti.

Le cose tuttavia sono cambiate, in quanto è stato completamente eliminato il costo per le attivazioni registrate a partire dalla data odierna (ciò comprende la cessata esistenza del vincolo dei 24 mesi). Queste modifiche si applicano alle offerte WindTre Super Fibra (con modem incluso) e alle offerte Absolute (senza modem). Non è stato toccato d’altro canto il contributo di attivazione dell’offerta Voce Più (che prevede il solo telefono di casa), che sarà sempre pari a 30€ in caso di linea già attiva (altrimenti 50€).

LEGGI ANCHE: Huawei Mate Xs presto a listino con WindTre

Per finire, a partire dalla giornata di domani, saranno eliminati tutti i costi una tantum relativi alla migrazione di una linea da ADSL a Fibra ottica, andando ad eliminare il costo di 24,90€ precedentemente previsto.

Fonte: MondoMobileWeb