Home Page > Guide all'acquisto > Quali sono i migliori Ultrabook sul mercato nel 2024?

Quali sono i migliori Ultrabook sul mercato nel 2024?

Leggero, potente e dalla buona autonomia: questo è in sintesi un Ultrabook, e in questa guida all'acquisto ci sono i migliori in vendita ora in Italia
Nicola Ligas
Nicola Ligas Tech Master
Quali sono i migliori Ultrabook sul mercato nel 2024?

Il termine Ultrabook è stato coniato da Intel nel 2011, per identificare una classe di notebook con caratteristiche particolari. L'idea era quella di creare una categoria di portatili che unissero prestazioni e leggerezza, senza dimenticarsi dell'autonomia. All'epoca era forse un po' un'utopia, ma ormai non è certo impossibile trovare modelli simili, dato che è esattamente in questa direzione che si è evoluto il mercato.

Col tempo Intel ha cambiato le carte in tavola, lasciando da parte il termine Ultrabook a favore della certificazione Intel Evo, ma l'idea alla base di quel termine è rimasta comunque viva nel cuore degli utenti, tanto che ormai ci sentiamo liberi di parlare di Ultrabook per indicare in generale la categoria degli "ultra portatili", indipendentemente da quale sia il processore al loro interno.

Ecco quindi che in questa guida all'acquisto abbiamo raccolto quelli che, secondo la nostra opinione, sono i migliori Ultrabook a oggi in commercio in Italia. Tutti i principali brand hanno modelli simili nel proprio listino: da nomi scontati come LenovoDell, e Microsoft, fino anche ad Apple, che con l'introduzione dei suoi processori ha dato nuova linfa proprio a questo tipo di portatili.

Attenzione solo a un particolare: gli Ultrabook non sono economici. Possono comunque avere un ottimo rapporto qualità-prezzo, ma è chiaro che coniugare potenza, autonomia e leggerezza non sia facile con portatili di fascia bassa. Su questo è bene essere chiari fin dall'inizio.

Come scegliere i migliori Ultrabook

Gli Ultrabook non esistono più. Come abbiamo già avuto modo di accennare, questo "bollino" è ormai caduto in disuso, quindi non è immediato etichettare un portatile come tale.

Non è però difficile tracciare l'identikit di un Ultrabook nel 2024, perché le sue caratteristiche distintive sono ben chiare.

  • Processore. Volendo tracciare una linea, tutti gli Intel dalla 12ma generazione in poi, gli AMD serie Ryzen 5000 e successivi, e ovviamente tutti gli Apple Silicon, a partire da M1 in poi. Tra i processori Intel consigliamo di scegliere CPU delle serie U o P, perché bilanciano bene prestazioni e dispendio energetico. Idem dicasi per la serie U di AMD (es. Ryzen 7 5800U, o Ryzen 5 5600U e successivi).
  • GPU. L'inclusione di una scheda grafica discreta non si sposa benissimo con il concetto di Ultrabook, perché spesso significa maggiore spessore e minore durata della batteria. Pertanto è un parametro che potremmo al massimo definire "opzionale", dato appunto che una precisa categorizzazione degli Ultrabook non esiste più.
  • RAM. 8 GB sono ormai il minimo, in ambito Windows, dove 16 GB rappresentano comunque la nostra scelta consigliata. Con i Mac, il discorso un po' cambia, perché l'architettura della memoria è completamente diversa.
    Archiviazione. Al netto dello spazio a disposizione, da valutare in base alle proprie esigenze personali, ciò che conta è la tecnologia. M.2 SSD PCIe NVMe è la sigla che state cercando, e assicura prestazioni di lettura e scrittura molto elevate.
  • Schermo. Ormai i 14 pollici ha spesso preso il posto di quelli che prima erano i 13 pollici, pur senza aumentare dimensioni e peso complessivo in modo significativo. In alcuni casi (es. MacBook Air, LG Gram) è possibile trovare anche dei 15 pollici dal peso e dallo spessore davvero contenuti. La risoluzione minima è ormai il full HD, meglio anche se qualcosa di più, senza per forza arrivare al 4K, che può avere effetti negativi sull'autonomia. Le tecnologie impiegate invece non sono vincolati. Che ci sia il nero pure degli OLED o gli ottimi angoli di visione degli IPS è più una questione di gusti / esigenze personali.
  • Autonomia. A cosa serve un portatile leggero e potente, se poi la batteria ti pianta in asso? Ecco quindi che almeno 8 ore di uso generico lavorativo dovrebbero far parte dei requisiti di un Ultrabook.

Esauriti gli aspetti più tecnici, ci sono altri elementi da valutare. Anzitutto dimensioni e peso. Da un portatile di questa categoria ci si aspetta che non sia troppo spesso (meno di 2 cm) né troppo pesante (massimo 1,5 Kg nei modelli più grandi). E poi i materiali, spesso leghe metalliche o, in alcuni casi, fibra di carbonio, per ridurre il peso senza andare a scapito della qualità costruttiva.

I migliori Ultrabook delle migliori marche - Luglio 2024

Una volta visto cos'è un Ultrabook e come riconoscerne uno, veniamo alla nostra selezione. Abbiamo scelto notebook dei principali brand del settore, e per ciascuno di essi trovate indicati i suoi punti di forza e il perché della nostra scelta.

Abbiamo cercato di realizzare un elenco il più eterogeneo possibile, ma come già chiarito in precedenza non aspettatevi portatili di fascia bassa né modelli particolarmente economici, perché non possono essere Ultrabook in tutto e per tutto.

Detto questo, abbiamo comunque cercato di includere dispositivi dal buon rapporto qualità prezzo, o comunque di indirizzarvi nella scelta verso i prodotti più convenienti.

Ci sono alcuni portatili che nascono proprio con l'intento di "essere Ultrabook", come i Dell XPS 13 o la serie ThinkPad di Lenovo. In altri casi è semplicemente il mercato che, con il progresso della tecnica, spinge naturalmente verso prodotti che rientrano nelle caratteristiche generali degli Ultrabook, anche se con qualche distinguo. Gli LG Gram, ad esempio, sono sottili, leggeri e dalla grande autonomia, ma spesso spingono meno sull'acceleratore delle prestazioni.

In generale la scheda tecnica non dice sempre tutto, perché poi dipende dall'implementazione fatta dal singolo produttore. Proprio perché si tratta di un mercato molto ampio, vi suggeriamo di leggere anche un altro paio di guide più generiche di questa: quella dedicata ai migliori notebook e quella specifica per portatili gaming. Che sia un Ultrabook o meno, quel che conta è che ciascuno possa trovare il portatile che meglio si adatta alle sue esigenze.

samsung galaxy book 4 pro

Samsung Galaxy Book 4 Pro

Samsung realizza da sempre portatili molto stilosi, che ben si sposano con l'idea di Ultrabook, ma il nuovo Galaxy Book 4 Pro ne è proprio l'incarnazione.

Si tratta di un 14 pollici con display Dynamic AMOLED 2X 3K a 120Hz touch, processore Intel Core i7 Ultra, 16 GB di RAM DDR5, e 512 GB di archiviazione. Il tutto per poco più di 1.200 grammi e un'autonomia che in riproduzione video arriva fino a 18 ore. Se non è un Ultrabook questo, non sappiamo chi altro dovrebbe esserlo.

Unico problema è il prezzo, che rincara sensibilmente anche rispetto alla precedente generazione. Ma è anche uno di quei portatili fatti per durare a lungo, e costruiti con attenzione non solo all'estetica ma anche ai materiali. Una macchina da tenere con cura, e con orgoglio.

Lenovo ThinkPad L14

Lenovo ThinkPad L14 Gen 5

I ThinkPad sono da sempre sinonimo di Ultrabook. Questa fortunata serie di Lenovo ha ormai così tanti prodotti validi al suo interno che non è facile districarsi. Abbiamo scelto il ThinkPad L14 perché è quello che al momento rappresenta secondo noi la migliore scelta in termini di qualità - prezzo. I modelli dotati di processori AMD in particolare sono i più economici, ma gli Intel non costano troppo di più.

Si tratta di un 14 pollici con display IPS in 16:10 (1.920 x 1.200 pixel), 8 o 16 GB di RAM DDR5, 256 o 512 GB di SSD M.2 PCIe Gen4, e una batteria da 46,5 Wh. I processori invece sono i nuovi Intel Core Ultra 5 o 7 da una parte, e i Ryzen 3 Pro e 5 Pro dall'altra. Il tutto per 1,36 Kg di peso, giusto per non dimenticarsi della leggerezza.

Sul sito Lenovo ci sono poi numerose possibilità di personalizzazione, tra fotocamere IR, banchi di RAM aggiuntivi, SSD fino a 2 TB e tanto altro. Qui sotto vi lasciamo i box ai due modelli base, che poi potete andare a cucire a misura delle vostre esigenze e del vostro budget, tutto direttamente sul sito ufficiale.

ASUS Zenbook S 13 OLED

ASUS Zenbook S 13 OLED

Zenbook S 13 OLED è uno di quei portatili dei quali ci siamo innamorati durante la recensione, e che pertanto vi raccomandiamo caldamente di prima mano. Fate conto che ci sia il bollino "raccomandato dalla redazione" qui a fianco.

Questo notebook di ASUS ha tutte le caratteristiche di un vero Ultrabook. È sottile, leggero (appena un chilo!), ha una buona autonomia, una fantastico display, e in quanto a prestazioni non sarà il primo della classe, ma è comunque in grado di svolgere tutti i compiti più comuni e molto altro. 

Il modello che vi consigliamo (UX5304MA) è tra l'altro la nuova versione aggiornata con il processore Intel Core Ultra 7 155U e ben 32 GB di RAM LPDDR5X, oltre a 1 TB di archiviazione.

Attenzione, questo modello in particolare si trova solo sul sito ASUS, al momento per 1.599 euro (che per quello che offre è comunque un buon prezzo). Se voleste risparmiare qualcosa, vi lasciamo il box anche per il modello che abbiamo recensito (UX5304VA), che rimane validissimo e attuale.

Microsoft Surface Laptop 5

Microsoft Surface Laptop 5

È impossibile parlare di Ultrabook senza citare Microsoft, e in particolare la sua serie Surface Laptop, giunta alla 5a edizione. Questo perché la mamma di Windows sa il fatto suo in termini di costruire un portatile che sia proprio piacevole da usare

Ci sono come di consueto due versioni: una da 13 e una da 15 pollici. La seconda arriva quasi a 1,6 Kg di peso, superando quindi i limiti che ci eravamo imposti. Anche per questo motivo vi consigliamo il 13 pollici, che tra l'altro è nel formato 3:2, ovvero con lo schermo molto schiacciato, quindi vi sembrerà più grande nella maggior parte degli utilizzi lavorativi.

Per il resto, Surface Laptop 5 non brilla particolarmente per la scheda tecnica, quanto per il riuscito amalgama dei suoi componenti. Abbiamo infatti processori Intel di 12ma generazione, quindi non gli ultimi disponibili, e un massimo di 16 GB di RAM e 512 GB di archiviazione, a seconda della configurazione scelta.

La versione con interno in alcantara è non solo unica nel suo genere, ma davvero piacevole al tocco. Far poggiare i polsi su questo materiale è molto diverso dal freddo metallo, ma la versione metallica è anche quella più potente, quindi dipende un po' anche dalle vostre esigenze. Qui sotto vi lasciamo alcuni esempi, che potete poi variare da soli.

HUAWEI MateBook D 14 2024

HUAWEI MateBook D 14 2024

Huawei ha un vero e proprio Ultrabook nel suo catalogo. Si chiama MateBook X Pro, ma non è quello che vi consigliamo. Il motivo è presto detto: è particolarmente caro, e non è facile da trovare al momento. Detto questo, se aveste il budget, e se riusciste a procurarvelo, non vi pentirete di nulla.

Detto questo, MateBook D 14 2024 merita attenzione perché è uno dei modelli più economici della nostra selezione. Nonostante sia la nuova versione 2024, monta ancora i "vecchi" processori Intel di 12ma generazione, nello specifico il Core i5-12450H, che dovrebbe garantire prestazioni molto buone.

Lo schermo è un 14'' IPS, poi ci sono 16 GB di RAM LPDDR4X e un SSD da 512 GB. La batteria da 56 Wh è piuttosto capiente, e il peso si ferma a circa 1,4 Kg. Si può fare di meglio su quest'ultimo punto, ma siamo comunque dentro la soglia che ci eravamo dati e soprattutto il prezzo è davvero invitante: 849€ di listino, con spesso sconti di anche 200 euro, che lo rendono davvero economico.

lg gram 17

LG Gram

Come abbiamo già accennato, questa serie di LG è regina di leggerezza. Ciò ci permette di spingerci su diagonali molto grandi, rimanendo con un peso molto piccolo.

Un esempio? LG Gram 17Z90R un è 17 pollici in 16:10 (2.560 x 1.600 pixel), con processore Intel i7-1360P, 16 GB di RAM ed SSD da 1TB, che pesa solo 1.350 grammi. Per di più ha una grande batteria da 80 Wh, che vi garantirà un sacco di autonomia.

Di contro il processore di Intel non viene portato proprio al massimo, ma siamo ormai giunti a un livello di prestazioni tali che questo fatto non rappresenta un problema per la maggior parte degli utenti.

Per chi poi volesse risparmiare e si accontentasse di un più piccolo 14 pollici, LG Gram 14ZB90R pesa appena 999 grammi ed è il perfetto notebook da trasferta / studenti, e in generale per chi voglia viaggiare leggero e stare lontano dalla presa di corrente a lungo.

dell xps 13

Dell XPS 13

L'XPS 13 è un modello che ha fatto storia e scuola. In tanti hanno cercato di imitarlo, ma da quando c'è stato il cambio di design XPS è diventata una volta di più una serie unica al mondo. E come tutte le unicità, si paga.

Il 13 pollici parte da 1.349€, mentre il 14 pollici da 1.799€. Per di più quest'ultimo è abbastanza pesante (circa 1,7 Kg) proprio alla luce dei materiali scelti da Dell, quindi è naturalmente escluso dalla nostra definizione di Ultrabook. Questo perché il palm rest degli XPS è interamente in vetro, la tastiera è "incavata" nella scocca, e la parte al di sopra dei numeri è dotata di tasti soft-touch a sfioramento.

XPS è insomma anche una questione di stile, non solo di hardware. Hardware che poi potrete andare a personalizzare ampiamente sul sito Dell, con processori fino al Core 7 Ultra 165H, fino a 64 GB di RAM, 2 TB di archiviazione, e volendo anche con schermo 3K.

XPS 13 non è la proposta dal miglior rapporto qualità prezzo, questo è chiaro, ma è anche impossibile non prenderlo in considerazione, e forse rimarrete così abbagliati dalla sua bellezza che passerete sopra al costo. Forse.

Acer Swift Go 14

Acer Swift Go 14

Come si intuisce dal nome, Swift Go è pensato per gli utenti in movimento, ma questo non significa lesinare su qualcosa, anzi. Acer propone sia una versione con Ryzen 7, che tante varianti Intel, sia con processori serie U, desinati appunto alla mobilità (U di Ultrabook!), che serie H, per il massimo delle performance.

Nel mezzo ci sono poi tantissime variabili, tanto che a seconda della configurazione scelta sembra di trovarsi davanti a portatili che potevano tranquillamente avere nomi diversi. Per fortuna c'è un minimo comune denominatore: il buon prezzo. Vediamo alcuni esempi.

Swift Go SFG14-41-R7PA, con Ryzen 7 7730U, 16 GB di RAM e 512 GB di SSD viene poco più 960 euro al momento.

Swift Go SFG14-71-79DJ, Intel Core i7-1355U, 16 GB di RAM e 1 TB di SSD viene ancora di meno adesso (929 euro).

Swift Go SFG14-71T-70HC, con Intel Core i7-13700H, 16 GB di RAM e 512 GB di SSD viene appena 880 euro nel momento in cui stiamo scrivendo.

E sia chiaro che parliamo comunque di portatili abbastanza leggeri (circa 1,25 Kg), e con un'autonomia dichiarata di oltre 14 ore (fateci pure la tara, ma diventa comunque difficile non arrivare a fine giornata lavorativa)

Il concetto che deve passare insomma è che ci sono tanti modelli di questa serie di Acer e che, al netto delle fluttuazioni del prezzo, è quasi sempre possibile trovarne uno davvero conveniente. Potete dare un'occhiata anche al sito ufficiale, che è un buon modo per rintracciarli tutti. A seguire vi lasciamo alcuni esempi.

HP Spectre x360

HP Spectre x360

I convertibili ruotanti a 360 gradi non sono probabilmente i più mainstrem dei notebook, ma rappresentano comunque un modo unico di usare il proprio portatile, ed era un peccato non includerne nessuno nella nostra rassegna.

E se dici convertibile, la serie Spectre X360 è da anni una garanzia. Il fiore all'occhiello il pannello OLED da 14 pollici, 2,8K (2.880 x 1.800 pixel) da 14 pollici, ovviamente multitouch (e compatibile stylus), con refresh tra 48-120 Hz e supporto HDR. Non mancano poi i processori Core Ultra di Intel, 16 GB di RAM LPDDR5X e 1 TB di archiviazione.

In più, per rispettare le specifiche Ultrabook, troviamo una batteria da 68 Wh (con ricarica rapida), che garantisce quindi di coprire la giornata lavorativa, e un peso non piuma (1,44 Kg) ma comunque entro i limiti.

Sul sito HP potete trovare qualche variazione sul tema, ma il modello consigliato, in base a prezzo e specifiche, al momento è quello qui sotto.

MacBook Air

MacBook Air

Con l'avvento degli Apple Silicon i portatili della mela si sono staccati dal resto del mondo, nel bene e nel male. E se c'è un aspetto che i processori M hanno enfatizzato è proprio quello degli Ultrabook.

MacBook Air in particolare è ora l'unico portatile fanless al mondo in grado di regalare certe prestazioni. Il fatto di non avere ventola significa che è sempre silenzioso, e poi non scalda praticamente mai. Inoltre è sempre pronto, nell'istante stesso in cui sollevate lo schermo. È la stessa immediatezza che trovate su uno smartphone, trapiantata su un portatile.

E poi abbiamo una grandissima autonomia, e in particolare nella nuova versione con chip M3 una gestione energetica ancora migliore (scalda meno, performa meglio).

Il 15 pollici pesa 1,51 Kg, quindi sarebbe di un soffio oltre la soglia, ma è impossibile non consigliarvelo, perché ha ancora più autonomia del 13 pollici, pur rimanendo sempre facilmente trasportabile. 

E sia chiaro che anche la precedente generazione con chip M2 ha più prestazioni di quanto l'utente medio abbia bisogno, e le stesse ottime doti di portabilità e autonomia. È solo un fatto di budget, per lo più. Qui sotto li abbiamo inclusi tutti, così potete farvi un'idea anche delle differenze di prezzo.

Tenete solo conto del fatto che spesso cambiando colore varia anche il prezzo, e potrebbe esserci qualche offerta in più. In linea di massima vi consigliamo l'argento, perché è quello che resiste meglio al passare del tempo, ma dipende ovviamente tutto anche dal prezzo a cui lo trovate.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Tutte le news sulla tecnologia su Google News
Ci trovi con tutti gli aggiornamenti dal mondo della tecnologia
Seguici