Google ha ottenuto una licenza per gestire la e-money in Europa

Matteo Bottin

Google Pay è ormai in Italia da parecchio, e si sta ampliando sempre più per includere le carte delle carte italiane. Ma si tratta pur sempre di un “intermediario” che permette agli utenti di pagare passando per la piattaforma.

Discorso diverso è la possibilità di depositare denaro che poi possa essere utilizzato per i pagamenti (la cosiddetta e-money): in questo caso si avrebbe a che fare con (quasi) un conto vero e proprio nel quale inserire i propri risparmi. Ovviamente, questo richiede delle licenze particolari.

Ed ecco quindi che Google ha ottenuto tale licenza per operare in Unione Europea. Chi la ha fornita? La Lituania. Non si tratta della prima azienda ad averla ottenuta (alcuni anni fa è toccato a Facebook, giusto per dirne una, ed anche Amazon ce l’ha), ma Google sembra intenzionata a farci realmente qualcosa di concreto, dato che “sta discutendo per creare dei progetti in tutta Europa“.

LEGGI ANCHE: Xiaomi corre forte nel settore wearable anche in Europa

Insomma, non ci resta che attendere per vedere dove Google andrà a parare. Certo, probabilmente si tratterrà di un “portafoglio virtuale” per i pagamenti (come se si avesse a che fare con una carta prepagata virtuale), ma non è detto che si punti “più in alto”. Vorreste un conto corrente targato Google?

Via: 9To5Google