Waveful, come funziona l'alternativa italiana a Instagram

Waveful è l'alternativa italiana a Instagram nata nel 2020 da un'idea dei fratelli Motta e rilasciata gratis su App Store e Play Store nel 2021
Waveful, come funziona l'alternativa italiana a Instagram
SmartWorld team
SmartWorld team

Mentre Mark Zuckerberg minaccia di chiudere Instagram e Facebook in Europa – ipotesi in verità apparsa subito "fumosa" e poco realizzabile in concreto – gli italiani possono già contare su un'alternativa al social network un tempo esclusivamente fotografico. Ed è Made in Italy. Dalle menti dei diciottenni Dennis e Steven Motta nasce infatti Waveful, un'app scaricabile gratuitamente sul Google Play Store (Android) e su App Store (iOS) che vuole conquistare gli appassionati dei social grazie alla sua semplicità e immediatezza d'utilizzo, oltre che ai tanti elementi di personalizzazione. 

Cos'è e come funziona Waveful

Waveful riprende un po' l'idea che sta dietro ai social network di successo come Instagram e TikTok, ma se ne distacca per via di alcune funzionalità più particolari e all'insegna della personalizzazione. Nata quasi per gioco nel 2020, l'app è stata rilasciata l'anno successivo e continua a farsi largo sugli smartphone e tablet spinta dalle buone recensioni sugli app store. I giovani sviluppatori hanno immaginato Waveful come una piattaforma basata sulla condivisione di contenuti multimediali quali immagini, video e registrazioni audio. Il simbolo della piattaforma è la figura dell'onda, e non a caso è stato utilizzato il termine «Wave». Come spiegato dagli stessi autori, gli utenti rappresentano onde di contenuti che crescono in quelli definiti come «Tsunami», un'altra delle grandi caratteristiche dell'app introdotte con gli ultimi aggiornamenti del 2021. Gli tsunami non sono altro che delle community suddivise per categorie all'interno delle quali gli utenti avranno la possibilità di iscriversi e di postare contenuti un po' più settoriali.

Uno degli elementi più apprezzati dagli iscritti è la semplicità d'utilizzo. Waveful è gradevole esteticamente e molto semplice da utilizzare grazie anche ad alcuni elementi familiari come la barra posizionata nella parte bassa dello schermo, che permetterà di muoversi rapidamente nell'interfaccia. Ma c'è un altro aspetto su cui i fratelli Motta hanno insistito ed è quello della personalizzazione del profilo. A differenza dei social network che conosciamo tutti come Facebook e Instagram, Waveful offre ai suoi iscritti l'opportunità di fare apparire dei badge nella parte alta della pagina personale, ai quali è associato uno specifico obiettivo raggiunto dallo stesso utente. Un'idea tutto sommato già vista nei videogiochi, ma sicuramente apprezzata anche nella piattaforma digitale messa a punto dagli sviluppatori italiani. I badge sono molto diversi: alcuni di questi sono un po' più classici (come quello per aver superato un certo numero di followers, di like o di visualizzazioni), mentre altri sono legati a specifici contesti come ad esempio le festività o le stagioni. Molto ampia è comunque la personalizzazione del proprio profilo, potendo attingere a una gamma di colori piuttosto variegata.

Non possiamo infine non menzionare la presenza di alcune caratteristiche come l'autodistruzione dei messaggi una volta superato un certo periodo di tempo (nel caso specifico, si potrà scegliere tra 6, 12, 24 o 48 ore, di default è impostata su «Permanente»), la modalità notturna, l'editing dei contenuti e le interazioni, tra cui il «Superlike», altra particolarità dell'app. Non mancano anche i tag: non impostandoli, il contenuto apparirà nel proprio profilo; al contrario, sarà inserito in un posto specifico, ad esempio menzionando una community Tsunami. A differenza di TikTok, Waveful permette di caricare file audio senza video, e questo conferma la buona dose di personalizzazione che sta alla base dell'app.

Come registrarsi a Waveful

Per iscriversi su Waveful si dovrà scegliere tra una delle quattro modalità previste. Dopo avere scaricato gratuitamente l'app sui store di Android e iOS, toccherà registrarsi alla piattaforma: si potrà "agganciare" il proprio account Google o Apple così da velocizzare la procedura di iscrizione, oppure creare un profilo ex-novo partendo da un'email o da un numero di telefono: scegliendo queste ultime due modalità, la procedura sarà completata rispettivamente cliccando sul link o inserendo un codice generato tramite SMS. Una volta effettuata la registrazione e il login, bisognerà scegliere le tendenze tra i vari Tsunami e organizzare il profilo in base ai vostri gusti.

L'account Creatore su Waveful

Waveful prevede la possibilità di effettuare un upgrade all'account Creatore per quegli utenti che raggiungono almeno mille visualizzazioni sul proprio profilo. Un passaggio che viene accompagnato da tante possibilità, come la creazione degli Tsunami e guadagnare attraverso i contenuti. Come spiegato dalla piattaforma, «Waveful condivide il 50% dei suoi guadagni con i Creatori e questo varia in base al numero di utenti utenti che interagiscono con i post. Il meccanismo è comunque lo stesso di sempre: maggiori sono le interazioni ai post, più alti saranno i guadagni». Il compenso può essere generato anche dai Superlike, vale a dire degli speciali «mi piace» che potranno essere utilizzati per mostrare un apprezzamento ancora maggiore per un determinato contenuto. Gli utenti Premium potranno ottenere 12 Superlike al mese insieme a diversi vantaggi inclusi nel pacchetto da 7,99 euro mensili, come l'assenza di pubblicità, badge VIP e gamma di colori ancora più ampia per personalizzare in modo ulteriore il proprio profilo.

Mostra i commenti