Ecco quello che succede quando un'auto a guida autonoma viene fermata dalla polizia

Ecco quello che succede quando un'auto a guida autonoma viene fermata dalla polizia
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Si parla spesso negli ultimi anni di auto a guida autonoma. Problemi, progressi, opportunità, innumerevoli sono gli aspetti della nuova tecnologia, ma cosa succede se il veicolo in questione dovesse essere fermato dalla polizia?

Evidentemente la questione non è così banale, come si può vedere dal video qui sotto diffuso su Twitter. L'auto in questione è della compagnia di robotaxi Cruise, una società di General Motors e finanziata da Honda, che utilizza la tecnologia LIDAR per i suoi veicoli e dal 2017 viene usata a San Francisco dai dipendenti. Da poco ha aperto una lista d'attesa per il grande pubblico, quindi le aspettative sono molto alte. 

Come si può vedere dal video, dai risvolti anche comici, i poliziotti fermano l'auto per la mancanza di luci accese (problema piuttosto grave se si considera che il veicolo può operare solo tra le 10 di sera e le 6 del mattino) e l'agente resta piuttosto sconcertato nel non trovare un guidatore al suo posto. A quel punto torna indietro e l'auto "scappa" per poi fermarsi pochi metri dopo. 

Un rappresentante della società ha in seguito dichiarato che l'auto cercava solo di trovare un luogo adatto per la sosta (azione poco consigliabile da eseguire, soprattutto negli Stati Uniti), e che il problema delle luci è stato ora risolto, ma sicuramente ci aspettiamo situazioni di questo tipo sempre più frequenti man mano che la tecnologia prende piede.  

Mostra i commenti