La muscle car del futuro sarà elettrica: parola di Dodge

La muscle car del futuro sarà elettrica: parola di Dodge
SmartWorld team
SmartWorld team

Arriverà nel 2024 la prima Dodge completamente elettrica, una rivoluzione per il marchio americano specializzato in muscle car, che dopo l’acquisizione da parte di Stellantis si è allineato alla visione del maxi gruppo di un futuro sempre più elettrico e a zero emissioni.

Dodge, che nel corso degli anni ha firmato alcune auto diventate iconiche negli Stati Uniti - ta cui la Charger, co-protagonista della serie cult “Hazzard” - ha svelato i suoi piani nel corso di dell’Ev Day Stellantis, evento digitale dedicato proprio all’elettrificazione del gruppo nato dalla fusione tra Psa e Fiat Chrysler Automobiles. Il ceo Tim Kuniskis ha confermato l'ingresso del marchio nel mercato delle auto elettriche, ma ha voluto chiarire durante il suo discorso che il marchio non perderà la sua identità, basata sulla potenza del motore e l’elevata cilindrata, ma che anzi la rafforzerà grazie alle performance che le tecnologia elettrica consentirà di raggiungere superando limiti meccanici. 

“Per più di cento anni l’obiettivo di Dodge è stato quello di essere il marchio più potente in circolazione. I nostri clienti non comprano infatti una tecnologia, ma un’esperienza”, ha spiegato convinto Kuniskis, ripreso davanti alla storica sede di Dodge davanti ad alcuni tra i modelli più famosi. 

“I nostri ingegneri hanno raggiunto un limite di natura pratica: non riescono ottenere di più dai tradizionali motori a combustione, e siamo certi che i motori elettrici possano darci di più. Per questo siamo obbligati a usarli, lo dobbiamo ai nostri clienti”. Non una rivoluzione, insomma, ma un’evoluzione, che arriverà a compimento nel 2024, quando arriverà sul mercato la prima Dodge full electric e a zero emissioni.

L’annuncio di Kuniskis è stato accompagnato da una sorta di “teaser” in cui la nuova Dodge elettrica si intuisce, senza svelare nulla del design e delle caratteristiche. Un breve video in cui il marchio americano prova a convincere i clienti che il passaggio all’elettrico non significherà snaturarsi, ma solo andare avanti adeguandosi ai tempi e alla necessità di tagliare le emissioni, così come stabilito a livello europeo e internazionale. Una svolta ormai necessaria, che potrebbe però scatenare malumori tra gli appassionati dei rombanti motori Dodge.

Di ambiente e inquinamento, comunque, Kuniskis ha parlato poco, e quando lo ha fatto ha usato un claim finalizzato sempre ad accentuare la “potenza” di Dodge: “Vogliamo distruggere le strade, non il pianeta”, ha concluso. Come detto, nessun indizio è stato fornito su come sarà la futura Dodge elettrica, anche se le ultime indiscrezioni sembrano puntare su una nuova Charger. Di certo si baserà su una delle quattro nuove piattaforme Ev di Stellantis e il design sarà ancora più accentuato per “compensare” l’addio al motore tradizionale.

Muscle car, che cosa sono

La muscle car è un’automobile ad alte prestazioni diffusa soprattutto negli Stati Uniti, caratterizzata da un potente motore anteriore longitudinale V8 con trazione posteriore, una carrozzeria due porte, a quattro posti e con propulsore ad alta cilindrata. 

Si tratta di macchine appunto “muscolose”, e dunque molto potenti e veloci, con un design che ne accentua l’aggressività e la dinamicità anche grazie al cofano più lungo rispetto alla parte posteriore. Oltre a Dodge altre case automobilistiche hanno puntato sulle muscle car facendo uscire dalle fabbriche modelli diventati iconici. Ne sono un esempio Pontiac, Cadillac, Chevrolet e Ford, tanto per citarne alcune

Il periodo d’oro delle muscle car risale alla metà degli anni Sessanta e prosegue sino ai primi anni Settanta, per poi subire uno stop con la crisi petrolifera. Le muscle car non hanno però perso il fascino esercitato soprattutto sugli americani, che le amano proprio per design e prestazioni.

Le muscle car più famose

Le muscle car sono diventate famose anche grazie a Hollywood, che spesso le ha rese protagoniste di film e serie tv. L’esemplare più famoso è sicuramente il Generale Lee, la Charger arancione con il numero 01 dipinto in bianco sulla fiancata guidata dai fratelli Bo e Luke Due in “Hazzard”. 

Sul grande schermo invece, sono diventate iconiche la Dodge Charger guidata dal cattivo Bill Hickman in “Bullit”, film in cui Steve McQueen lo sfidava a bordo di una Ford Mustang V8 in un inseguimento di oltre 10 minuti che ha fatto la storia del cinema

Ancora,  Chevy Impala guidata da Ron Howard in “American Graffiti”, la Dodge Monaco dei Blues Brothers e la Ford Gran Torino che dà il nome al film diretto e interpretato da Clint Eastwood.

Commenta