Tesla ha in previsione una Roadster volante grazie al pacchetto SpaceX

Tesla ha in previsione una Roadster volante grazie al pacchetto SpaceX
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Sono giorni frenetici per il capo progettista di Tesla Franz von Holzhausen. Dopo essersi lasciato andare a una dura critica contro Apple, il manager ha fornito un aggiornamento sulla Tesla Roadster, in cui afferma che stanno ancora lavorando "in modo febbrile" all'hypercar elettrica che sarà una "emozionante macchina volante".

La nuova generazione della Roadster, che dovrebbe accelerare da 0 a 100 kmh in 1,9 secondi e avere un'autonomia di quasi 1000 km, è stata uno dei programmi più ritardati di Tesla. Quando ha presentato per la prima volta la Tesla Roadster di nuova generazione nel 2017, Elon Musk ha affermato che sarebbe arrivata sul mercato nel 2020. Tesla ha iniziato a prendere prenotazioni all'evento di presentazione e le persone che volevano essere in prima fila per ottenere il veicolo hanno dovuto versare tra 50.000 e i 250.000 dollari in deposito.

Il programma del veicolo è stato successivamente ritardato e l'amministratore delegato ha affermato che non era una priorità per Tesla. Nel 2020, Musk ha accennato al rinvio della Tesla Roadster fino al 2022, poiché la casa automobilistica si era concentrata sul Cybertruck, per confermare successivamente un ulteriore ritardo almeno fino al 2023.

Ora il capo designer di Tesla Franz von Holzhausen ha dichiarato sul podcast Spike Car Radio che stanno lavorando alacremente al progetto e che hanno imparato molto con la piattaforma Plaid. Con "Plaid", il manager si riferisce al nuovo propulsore trimotore lanciato lo scorso anno nella versione aggiornata della Model S e della Model X, che verrà implementato ulteriormente sulla Roadster. Secondo le sue parole, "ci sono continui miglioramenti su questo. Sarà una macchina volante incredibile ed emozionante con il pacchetto SpaceX.". Musk aveva infatti annunciato che Tesla prevede di offrire un "pacchetto SpaceX" con propulsori ad aria fredda attorno al veicolo per aumentarne le prestazioni e che avrebbe permesso all'auto di accelerare da 0 a 100 kmh in soli 1,1 secondi.

Musk ha recentemente affermato che Tesla concentrerà i suoi sforzi di sviluppo sul Tesla Bot, quindi la previsione per la Roadster del 2023 sembra lontana, anche se ci stanno lavorando in "modo febbrile".

Via: Electrek
Mostra i commenti