Se avete un Roomba potete trasformare casa vostra in un livello di Doom

Roberto Artigiani

C’è una regola non scritta nel mondo dei nerd tecnologici: se una cosa va a corrente allora può far girare Doom. Se questa affermazione può essere contestata da più di un punto di vista, non può essere assolutamente contestata la natura leggendaria di Doom, “lo” sparatutto in prima persona per eccellenza e uno dei videogiochi più influenti di sempre.

Ora uno sviluppatore con evidentemente molto (troppo?) tempo libero a disposizione, tale Rich Whitehouse, ha creato un modo per trasformare le mappe create dai robottini aspirapolvere di iRobot (per la precisione il modello Roomba 980) in mappe giocabili di Doom. Il tool si chiama “Doomba” ed è essenzialmente un plug-in di Noesis, uno strumento creato dallo stesso Whitehouse per convertire modelli, immagini e animazioni da un formato a un altro.

LEGGI ANCHE: Nuovi giochi gratis su PlayStation Plus da gennaio

Noesis è estremamente utile quando si vuole passare da una piattaforma a un’altra senza dover rifare tutto daccapo. Ma tornando alle cose serie divertenti prima di iniziare a uccidere orde di demoni nei vostri ambienti casalinghi vi lasciamo agli esilaranti deliri demoniaci con cui Whitehouse ha presentato la sua creazione.

I soon realized that there was a clear opportunity to serve the Dark Lord by conceiving a plethora of unholy algorithms in service to one of the finest works ever created in his name. Simultaneously, I would be able to unleash a truly terrible pun to plague humankind. Now, the fruit of my labor is born. I bring forth DOOMBA, a half-goat, half-script creature, with native binary backing for the expensive parts, to be offered in place of my firstborn on this fine Christmas Eve.
Some will say that it’s pointless, but I have faith in my heart that the Dark Lord will wipe these people from the face of the earth and trap them in a dimension of eternal hellfire. Their suffering will be legendary.

Via: The Verge
  • IRNBNN

    Fiero di aver potuto giocare a doom a suo tempo…piu che un videogioco ormai è una leggenda