LEGO Batman – Il Film: non chiamatelo spin-off! (recensione)

Lorenzo Delli Grazie a Warner Bros. e LEGO siamo riusciti a vedere con qualche giorno di anticipo LEGO Batman - Il Film, e ci siamo divertiti come bambini. Meglio non chiamarlo spin-off però!

The LEGO Movie del 2014 riuscì a portare i celebri mattoncini danesi al cinema con una pellicola sorprendente, caratterizzata non solo da un’animazione praticamente perfetta (ottenuta con CGI, stop motion e live action), ma anche da un giusto mix di elementi quali personaggi vincenti, storia divertente, citazioni a non finire e una colonna sonora che probabilmente vi ricordate ancora alla perfezione.

Difficile quindi eguagliare o superare il lavoro di Phil Lord, Christopher Miller e colleghi, eppure LEGO Batman – Il Film riesce nell’impresa di proporsi non tanto come spin-off della pellicola del 2014, quanto più come prodotto a sé stante che diverte al pari del suo predecessore.

LEGGI ANCHE: LEGO Dimensions: in arrivo i pacchetti di espansione de I Goonies, Supercar, LEGO City e Harry Potter

Stavolta alla regia troviamo Chris McKay (Miller e Lord sono “solo” produttori) e un cast d’eccezione: Will Arnett nuovamente nei panni di Batman/Bruce Wayne (lo aveva già interpretato in LEGO The Movie), Zach Galifianakis in quelli di Robin, Michael Cera nei panni di Robin/Dick Grayson, Rosario Dawson in quelli di Barbara Gordon e Ralph Fiennes in quelli dell’immancabile Alfred Pennyworth. C’è persino Conan O’Brien nei panni de L’Enigmista!

Senza anticipare nulla sulla trama, vi basti sapere che Batman, o meglio Bruce Wayne, dovrà intraprendere un lungo viaggio per imparare a conoscere sé stesso e soprattutto per imparare ad apprezzare il lavoro di squadra nel tentativo, come al solito, di salvare Gotham City dai diabolici piani di Joker. Proprio Joker, nonostante la sua (apparente?) malvagità è uno degli elementi chiave della trama. Quella sorta di Bromance che per certi versi da sempre caratterizza il rapporto Batman / Joker è punto focale dell’inizio, del proseguo e della fine di questo nuovo film d’animazione, perché d’altronde non può esistere un supereroe senza un supercattivo.

Che mondo sarebbe senza Joker!
Che mondo sarebbe senza Joker!

Ma Batman e Joker non sono assolutamente gli unici protagonisti di questa pellicola. Troviamo tanti altri volti noti dell’universo DC Comics sia per quanto riguarda i supereroi (l’immancabile Superman, Lanterna Verde, Wonder Woman, Martian Manhunter) che per quanto riguarda i villain (Bane, Due Facce, Poison Ivy, Clayface), e come se non bastasse proprio grazie a Warner Bros, tanti altri personaggi che sicuramente non vi aspettate di trovare, ma anche in questo caso preferiamo non rovinarvi il fattore sorpresa.

I collegamenti con The LEGO Movie si possono trovare con facilità, ma non sono mai sottolineati per evidenziare la natura spin-off del titolo, tutt’altro. Si parla di mastri costruttori, ma non si hanno ulteriori punti di contatto con la storia e con i personaggi delle precedente pellicola. A prescindere dai collegamenti, LEGO Batman – Il Film è una pellicola che non si prende mai troppo sul serio, e a noi questa cosa è piaciuta da matti. È prima di tutto un film per bambini, che fa ridere in più di un’occasione, ma non lo fa sfruttando unicamente gag o battute che possono essere apprezzate da un pubblico appunto più giovane.

I bat-veicoli sono progettati per una sola persona. Gli altri... beh, gli altri stanno scomodi!
I bat-veicoli sono progettati per una sola persona. Gli altri… beh, gli altri stanno scomodi!

Non manca lo stesso grado di citazionismo che caratterizzava la precedente produzione, in questo caso riferita a tutte le pellicole e a tutte le produzioni che nel corso degli ultimi decenni hanno visto come protagonista proprio l’Uomo Pipistrello. Forse una citazione l’avete già colta guardando l’immagine di copertina di questo articolo: lo spray squalo repellente della primissima e strampalata serie TV di Batman, che non viene risparmiata neanche in questo film con battute (e citazioni appunto) di vario genere.

Il tema di fondo poi, ovvero la presa di coscienza di sé, delle proprie debolezze e della possibilità di avere qualcuno al proprio fianco nell’affrontare problematiche più o meno gravi, è meno banale di quanto si possa pensare, specialmente inquadrandola nell’ottica di un pubblico giovane che deve ancora maturare e imparare. Come se non bastasse proprio il comparto tecnico legato all’animazione e al sapiente utilizzo di CGI, stop motion e live action, sembra aver prodotto in questo caso un risultato finale per certi versi ancora più sorprendente di The LEGO Movie.

Il personaggio di Barbara Gordon è doppiato da Geppi Cucciari, una scelta con cui proprio non riusciamo a trovarci d'accordo.
Il personaggio di Barbara Gordon è doppiato da Geppi Cucciari, una scelta con cui proprio non riusciamo a trovarci d’accordo.

Citazionismo, divertimento, spettacolarità e soprattutto Batman: un prodotto finale perfetto quindi! Non del tutto purtroppo. Uno dei difetti è da ricercarsi nel doppiaggio: Claudio Santamaria, il doppiatore di Batman anche in The LEGO Movie (e anche ai tempi de Il Cavaliere Oscuro!) e Alessandro Sperduti in quelli di Robin hanno svolto un lavoro praticamente impeccabile, ma la scelta di Geppi Cucciari per quanto riguarda Barbara Gordon è altamente opinabile. Geppi dona a Barbara un’inflessione tipicamente sarda. Non ci sarebbe nulla di male in un film in cui vari personaggi sono caratterizzati da inflessioni tipiche di varie zone d’Italia, un espediente che si sfrutta quando anche nelle pellicole statunitensi viene evidenziato grazie ai tanti accenti che caratterizzano i vari stati americani. In questo caso però Barbara è l’unico personaggio con una pronuncia così spiccata (a un certo punto viene persino pronunciato un “ajò”), che stona non solo con il personaggio ma con l’intera pellicola. E Barbara Gordon è tutt’altro che un personaggio secondario.

Ci sono poi alcune scelte a livello di trama e di caratterizzazione di un paio di personaggi dai toni forse un po’ troppo politically correct, piccolezze (in realtà neanche più di tanto) che potrebbero sfuggire all’occhio più affascinato di un bambino, ma che a quello di un adulto difficilmente sfuggirà. Nel nostro caso non ci abbiamo trovato nulla di male,  ma siamo piuttosto sicuri che qualche genitore più “conservatore” potrebbe trovare tali scelte fuori luogo.

LEGO Batman – Il Film arriva nelle sale italiane questo giovedì 9 febbraio, e a prescindere da quanto detto in questi ultimi paragrafi, ve ne consigliamo caldamente la visione. Sia grandi che piccini troveranno pane per i loro denti. Ah, e ovviamente non potevano mancare i nuovi set LEGO ispirati alle pellicola, alcuni sono davvero fantastici!

LEGO Batman – Il Film – Le foto