Otto aggiornamenti per l'accessibilità dei servizi Google: spiccano le novità per le Routine

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Otto aggiornamenti per l'accessibilità dei servizi Google: spiccano le novità per le Routine

Nell'ultimo anno, tutti gli sviluppatori di sistemi operativi e applicazioni hanno raddoppiato i loro sforzi per migliorare l'accessibilità dei loro servizi. Ne sono un esempio Windows 11, iOS e anche Android. 

Qualche giorno fa, Google ha annunciato diverse novità in questo senso, con nuove funzioni legate a Google Maps, Assistente Google e persino l'app fotocamera dei Pixel (a proposito, avete visto la nostra recensione di Pixel 8?). Su tutte, spicca la possibilità di personalizzare le Routine dell'Assistente senza dover installare l'app Action Blocks. 

Personalizzare le Routine dell'Assistente

Le Routine dell'Assistente sono una funzione comoda per ottenere informazioni utili o per automatizzare le attività quotidiane, e potete aggiungerle alla schermata Home come widget. 

Ma una ricerca ha dimostrato come per persone con differenze cognitive e disabilità è molto importante personalizzare questi widget per poterli usare, e per questo Google tre anni fa aveva rilasciato Action Blocks, un'app che appunto semplifica le azioni di routine con pulsanti personalizzabili per la schermata Home.

Ora le Routine sono personalizzabili direttamente dall'Assistente, senza dover installare un'app separata. Se andate sull'app Google, toccate il vostro avatar in alto a destra, selezionate Impostazioni, toccate Assistente Google e poi Routine, potete selezionare uno stile di scorciatoia Routine, personalizzarlo con le vostre immagini e regolare le dimensioni della scorciatoia sulla schermata iniziale.

A breve poi sarà possibile scegliere la forma tra contorni arrotondati personalizzati o rettangoli personalizzati, e l'obiettivo è riuscire a portare l'utilità delle Routine ad ancora più persone.

Google Maps mostra più chiaramente le caratteristiche delle attività

L'anno scorso Google Maps ha aggiunto per alcune città selezionate la possibilità di cercare luoghi vicini, come ristoranti, negozi, stazioni di transito e bancomat attraverso Lens in Maps (in precedenza nota come Ricerca con Live View), un'interfaccia AR accessibile attraverso la fotocamera del telefono.

Ora questa funzione riceve il supporto, su iOS, della lettura dello schermo, il che è particolarmente utile per utenti con difficoltà visive. Tutto quello che bisogna fare è toccare l'icona della fotocamera nella barra di ricerca e sollevare il telefono.

Se il lettore di schermo è attivato, gli utenti riceveranno un feedback uditivo dei luoghi intorno con informazioni utili come il nome e la tipologia di un luogo e quanto è lontano. Su Android arriverà entro la fine dell'anno. 

Inoltre su Google Maps e Ricerca Google è disponibile un nuovo attributo di identità, il che consente di ottenere maggiori dettagli su un'attività e fornisce ai commercianti la possibilità di auto-identificarsi come membro della comunità.

Google ha lavorato con membri della comunità dei disabili anche sulla denominazione e sul design delle icone, e quando le aziende scelgono di identificarsi come appartenenti alla comunità di disabili nel loro profilo aziendale, l'attributo apparirà nelle loro inserzioni in Mappe e Ricerca.

Ma non è finita. Su Maps per iOS e Android si sta diffondendo la possibilità di ottenere i percorsi accessibili alle sedie a rotelle, e ora potete ottenere percorsi senza scale quando richiedete indicazioni a piedi, il che non è solo utile per le persone che usano sedie a rotelle, ma è anche utile per chi cammina con bagagli o passeggini.

La funzione si basa sull'opzione di navigazione di transito accessibile in sedia a rotelle in Mappe, che mostra i percorsi di transito senza scale, e se avete già selezionato l'opzione di accessibilità in sedia a rotelle nelle preferenze, verrà applicata automaticamente anche ai percorsi a piedi. Altrimenti, toccate i tre punti nella parte superiore dello schermo quando richiedete indicazioni a piedi e attivate "accessibile in sedia a rotelle" sotto le opzioni di percorso per ricevere indicazioni senza scale.

Inoltre, sempre per gli utenti con sedia a rotelle, le informazioni relative ai luoghi accessibili alle sedie a rotelle su Google Maps approdano anche su Android Auto e le auto con Google integrato. Per visualizzare l'informazione, quando si cerca un posto su Google Maps e si clicca sopra, apparirà un'icona della sedia a rotelle se la destinazione ha un ingresso senza gradini, servizi igienici accessibili, parcheggio o posti a sedere.

La ricerca su Chrome cerca di comprendere le vostre richieste

Non mancano novità per Chrome, con una nuova funzione introdotta a inizio anno su desktop che rileva gli errori di battitura nella barra degli indirizzi e visualizza i siti web suggeriti in base a quello che il browser pensa che l'utente intenda.

Questo aiuterà le persone con dislessia, gli studenti di lingue o chiunque faccia errori di battitura, a raggiungere più velocemente il contenuto che stanno cercando. Oggi, questa funzione si sta espandendo a Chrome su Android e iOS, quindi avrete la stessa esperienza su tutti i dispositivi.

Anche la fotocamera dei Pixel è più accessibile

Infine, Google ha lanciato la nuova app Lente d'ingrandimento per Pixel, che Google ha progettato in collaborazione con il Royal National Institute of Blind People e la National Federation of the Blind.

Questa funzione, simile all'all Lente di iOS, consente alle persone di usare la tua fotocamera per ingrandire qualcosa come testi o piccoli oggetti, come si potrebbe fare usando una lente d'ingrandimento fisica.

La lente d'ingrandimento è disponibile su Google Play per Pixel 5 e versioni successive, escluso il Pixel Fold.

Inoltre, all'inizio del mese, Google ha anche lanciato la versione più recente di Guided Frame, che utilizza una combinazione di segnali audio, animazioni ad alto contrasto e feedback tattile per rendere più facile per le persone non vedenti o ipovedenti di scattare bellissimi selfie.

Con questo aggiornamento, Guided Frame ora riconosce non solo i volti ma molto di più, quindi potete usare la fotocamera anteriore e posteriore per scattare foto degli animali domestici, di un piatto o persino documenti. Questo aggiornamento è già disponibile su Pixel 8 e 8 Pro e sarà lanciato su Pixel 6 e successivi entro la fine dell'anno.

Mostra i commenti