Addio agli inutili promemoria di Assistant: saranno rimpiazzati da Google Task (giustamente)

Addio agli inutili promemoria di Assistant: saranno rimpiazzati da Google Task (giustamente)
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Gestire la propria lista di cose da fare con i servizi Google può essere più complicato del previsto: oltre a Google Task, l'app di BigG creata proprio per la gestione dei to-do o promemoria, è possibile anche chiedere a Assistant di ricordarci alcune cose. Il tutto però non è, al momento, sincronizzato e può crearsi un po' di confusione.

Offerte Amazon

Google però sta correndo ai ripari: l'azienda ha infatti annunciato che presto sarà semplificata la gestione dei promemoria e liste di cose da fare, migrando i promemoria creati con Assistant o con l'app Calendario direttamente in Google Task, che quindi diventerà l'unico posto dal quale organizzare tutto.

Per creare un promemoria su Task direttamente con Assistant basta seguire la classica procedura: pronunciando una frase come "Ok Google, ricordami di chiamare papà ogni giovedì alle 18:00" su smartphone o dispositivi con a bordo Assistant, il promemoria sarà creato su Task e sarà inoltre possibile aprire l'app e vedere tutti i promemoria già creati.

Questa utile funzionalità sarà attivata nei prossimi mesi: durante questo periodo di tempo, utilizzando Assistant o l'app Calendario per creare o visualizzare promemoria, sarà mostrata una notifica che invita gli utenti a sincronizzare il tutto in Google Task in maniera automatica.

Google ci tiene a ricordare che è sempre possibile accedere a Task, salvando promemoria o gestendo quelli già creati in precedenza, direttamente dalle versioni web di alcune app Google: da Gmail, ad esempio, è possibile associare una email ad un promemoria con un semplice pulsante, così come da Chat o dal Calendario è possibile creare velocemente un promemoria, che sarà poi visibile sull'app Task su tutte le piattaforme.

Mostra i commenti