Anche il vostro telefono Android dice addio al COVID

Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
Anche il vostro telefono Android dice addio al COVID

Oggi parliamo della pandemia come un evento del passato, per fortuna, visto che l'emergenza sanitaria è stata definita conclusa nonostante la malattia è ancora presente in tutto il mondo. E in quel periodo ricordiamo le tantissime iniziative che hanno provato a rendere i nostri smartphone più utili per superare quel periodo buio.

Tra quelle più importanti, e anche più rapide, ricordiamo l'iniziativa di Google e Apple di integrare nei rispettivi sistemi operativi un processo di notifiche automatiche per avvertire gli utenti della vicinanza ad altri utenti risultati positivi al virus. Questo sistema di notifiche è stato progettato per essere integrato e funzionare con le app sviluppate a livello nazionale per il tracciamento del COVID.

Quindi parliamo dello stesso sistema che ha lavorato in tandem con l'app Immuni, quella che è stata lanciata in Italia proprio per aiutare il tracciamento del virus nel nostro paese. Il successo del sistema di notifiche di Android e iOS è stato altalenante, visto che l'adozione e la fiducia da parte degli utenti era un requisito fondamentale per la sua riuscita.

Ricordiamo come tutte le iniziative legate al tracciamento e al contenimento del COVID hanno goduto della stessa, incostante accoglienza.

Per fortuna abbiamo voltato pagina e allora, nell'epoca attuale in cui non è più necessario usare app e sistemi di tracciamento del COVID, il sistema messo a punto da Google non ha più senso di esistere. Proprio per questo motivo il sistema di notifiche di esposizione al COVID è stato rimosso definitivamente da Android.

La novità è stata scovata nella versione dei Play Services a metà ottobre, e ora anche nella versione stabile (la 23.42) non è più presente. Apple ha attuato una misura simile in precedenza, comunicando ai suoi utenti che avrebbero potuto disattivare le notifiche di esposizione ed eliminare tutti i dati associati a esse.

Al di là delle considerazioni sociali, che non sono il tema principale di discussione su queste pagine, ci sentiamo di fare una riflessione sull'aspetto tecnico di questo sistema per le esposizioni.

La pandemia è scoppiata tra febbraio e marzo, e dopo due mesi Google e Apple sono state in grado di rilasciare sui loro sistemi operativi, che animano miliardi di dispositivi nel mondo, un sistema di notifiche per le esposizioni pienamente funzionante e aperto a qualsiasi app di tracciamento. Salutiamo quindi una delle funzionalità più complesse e importanti che abbiamo mai visto sui nostri smartphone, peccato non sia stata sfruttata al massimo.